rotate-mobile

VIDEO | Street art e rigenerazione, l'Annunziata diventa luogo da favola: i murales del mito e della sacralità

Il progetto "Nuovo spazio Margherita" per il recupero urbano voluto dal Lions club Messina Jonio con il liceo artistico Basile. L'iniziativa davanti agli ambulatori dell'Asp. Ecco come cambiano le periferie

Il recupero del degrado urbano non può che passare per le periferie. Questi segmenti cittadini sono di fatto “isolati” perché non curati o, peggio, deturpati da atti vandalici reiterati e selvaggi. Colpisce, in particolare, il fatto che tali realtà siano sempre più spesso collocate in zone non più “estreme” della città - come prima avveniva - ma anche vicine al centro grazie alla crescente espansione edilizia e alla progressiva suddivisione urbana in più quartieri densamente popolati.

Uno di questi quartieri è, a Messina, quello dell’Annunziata ove la realizzazione di un progetto promosso dal Club Service Lions Messina Ionio, presieduto da Giuseppe Ruggeri, in concerto con l’ASP e l’Amministrazione Comunale ha permesso la riqualificazione – ma è meglio forse parlare di “rigenerazione” – dello spazio antistante all’ingresso di alcuni ambulatori e uffici della locale Azienda Sanitaria. Un piccolo perimetro compreso tra il parcheggio destinato all’utenza e l’accesso allo stabile, ove erano prima allocati alcuni reparti dell’ex-P.O. “Margherita” e che aveva accumulato, negli anni, un notevole grado di abbandono. Una situazione inaccettabile anche e specie per la peculiarità dell’utenza che frequenta quello spazio, connotata da una condizione di fragilità e di bisogno.

L’idea è stata di adornare con una serie di “murales” una parte del muro di recinzione del parcheggio – di proprietà dell’ASP – e di piantumare e abbellire le aiuole laterali della breve rampa di scala collegante l’ex-padiglione ospedaliero con la salita, a ridosso del Museo Regionale, che mette in comunicazione il viale Libertà con il viale Annunziata.

Il coordinamento del progetto figurativo è stato affidato al Liceo Artistico “Basile”, diretto dalla professoressa Caterina Celesti, e si è ispirato a temi “pregnanti” dell’identità cittadina, con particolare riferimento al quartiere dell’Annunziata – Maria Costa e le sue “Case Basse”, Antonello da Messina, la Vergine Patrona, il rito della caccia al pescespada. A coordinare il progetto è stato il professore Guglielmo Bambino che si è avvalso della collaborazione dell’assistente tecnico Caterina Zuccaro, dei docenti di sostegno Rosa Celesti, Mauro Corbascio, Marina Ursino ed Ester Gangemi, e di Tecla Foti, Mirko Paraspoto, Graziella D’Andrea (personale ASACOM). Coinvolti nell’opera gli alunni della classe 4C Stella Abbate, Luna Arbelaz Ocampo, Eva Maria Arcadi, Eros Cardile, Sara Caroè, Chiara Catanzaro, Raffaele Costa, Hei Leung Tung (Ilary), Gemma Macrì, Luigi Macrì, Martina Maucci, Alessia Musso, Alessandra Pavone, Giulia Rando, Erica Salvato, Francesco Vadalà. Tra gli allievi, anche alcuni diversamente abili. Le operazioni figurative si sono svolte durante cinque lezioni fuori classe, per un totale di quindici ore nel corso delle quali, usando colori acrilici e bombolette spray, sono stati realizzati dieci riquadri (cinque per lato separati dal cancello d’accesso al parcheggio).

Il risultato è stato di notevole impatto visivo ed emozionale per la scelta dei colori dominanti – l’azzurro e l’oro che richiamano lo splendore dello Stretto – e per la forte caratterizzazione delle figure assunte a simbolo della storia millenaria di Messina.

Evocare la bellezza significa anche e soprattutto mantenerla perché, per legge di natura, da essa non può che scaturire altra bellezza così come, viceversa, dal degrado nasce e si perpetua altro e pure più profondo degrado.

Questa l’essenza del progetto “Nuovo Spazio Margherita” che volontari e istituzioni consegnano oggi a Messina, con la speranza che iniziative come queste si ripetano in altre zone cittadine.

Con la speranza, insomma, di “fare scuola”.

L'inaugurazione è prevista il 19 gennaio alle ore 12 alla presenza delle Autorità istituzionali cittadine.

Murales2

Si parla di

Video popolari

VIDEO | Street art e rigenerazione, l'Annunziata diventa luogo da favola: i murales del mito e della sacralità

MessinaToday è in caricamento