rotate-mobile

VIDEO | Germanà inaugura la sede provinciale della Lega, ma nel palazzo sventolano le bandiere No Ponte

Inaspettata accoglienza in via Gasparro. La curiosità sulla scritta latina con la raccomandazione a non fare entrare in città il cavallo di Troia

Al pianoterra la sede provinciale della Lega mentre al secondo sventolano le bandiere No Ponte.

E’ tutta in questa foto la frattura in città sulla monumentale opera riesumata dal ministro Matteo Salvini.

Ad inaugurare la sede provinciale del Carroccio in via Gasparro 7 (accanto al Palazzo Municipale) il senatore Nino Germanà, strenuo sostenitore dell’infrastruttura che in un post su facebook della pagina (Ponte e libertà) aveva lanciato un richiamo proprio ai “pontisti” con un “Ci vediamo più tardi”.

Ma sicuramente non si aspettava il controcanto nello stesso palazzo che ora lo ospita e dove ha piazzato la bandiera della Lega.

Non sono mancati i commenti, per lo più divertiti, tra un brindisi e una consumazione di rustici. Ma soprattutto in tanti si sono chiesti cosa significasse la scritta in latino in uno degli striscioni: Timeo pontem  et dona ferentem. Si tratta delle parole che Virgilio (Eneide II, 49) fa pronunciare a Laocoonte, quando vuol dissuadere i Troiani dall'accogliere nella città il cavallo di legno lasciato dai Greci. In pratica un messaggio chiaro di chi considera il ponte un cavallo di Troia che porterà a Messina solo devastazione e non progresso come invece peròra il senatore della Lega.

Una posizione che ha ribadito anche oggi all'inaugurazione della sezione provinciale. Germanà, nella sua qualità di commissario provinciale della Lega ha espresso anche nei giorni scorsi soddisfazione per il grande lavoro fatto in tutta la provincia di Messina, in occasione della prima riunione del direttivo che si è svolta a Brolo: “La nostra forza è la condivisione e l’unità d’intenti - ha spiegato - Sono il commissario provinciale ma non c’è stata decisione che io abbia preso senza confrontarmi con Pippo Laccoto. Nel nostro partito non ci sono divisioni e questo avvicina tante persone alla nuova fase della Lega. In Sicilia c’è una classe dirigente autorevole e credibile, composta da amministratori, consiglieri, deputati regionali e nazionali autorevoli e credibili. Mi piace inoltre aggiungere che accanto a chi ha più esperienza ci sono tantissimi giovani che hanno intrapreso il cammino con chi sta dimostrando di credere nella politica del fare”.

Schermata 2024-04-13 alle 18.47.49

Video popolari

VIDEO | Germanà inaugura la sede provinciale della Lega, ma nel palazzo sventolano le bandiere No Ponte

MessinaToday è in caricamento