rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022

La Resurrezione di Lazzaro di Caravaggio, una targa ricorda il luogo dove fu dipinto

Oggi e domani il convegno su Michelangelo Merisi, in via San Camillo la cerimonia con l'esposizione del marmo, presente il sindaco del comune che diede i natali al celebre artista

Il sindaco Cateno De Luca, insieme all’assessore alla Cultura Enzo Caruso, ha accolto oggi a Palazzo Zanca il sindaco del Comune di Caravaggio Claudio Bolandrini, giunto stamani in città per partecipare al Convegno “Caravaggio e Caravaggeschi a Messina – L’ambiente, i luoghi, i protagonisti – Indagini e ricerche: lo stato dell’arte”, in programma oggi e domani. L’iniziativa è stata promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Messina, e patrocinata dalla Regione Siciliana, dal Comune di Caravaggio, dall’Università degli Studi di Messina, dalla Curia Arcivescovile, dalla Società Messinese di Storia Patria e dall’Archeoclub d’Italia, sede di Messina, in occasione del 450esimo anniversario della nascita dell’artista.

Nel corso di una breve cerimonia i due sindaci  hanno presenziato alla scopertura della targa in via San Camillo dove sorgeva la Chiesa dei Padri Crociferi per la quale Caravaggio dipinse la Resurrezione di Lazzaro. La targa marmorea, il cui testo (“Per la Cappella della Chiesa dei Padri Criciferi di San Camillo che sorgeva in questa via Caravaggio dipinse la "Resurrezione di Lazzaro" commissionata da Giovanni Battista de Lazzari nel 1609, nel 450° anniversario della nascita di Caravaggio 1571-2021 la Città di Messina pose”) è stato curato dall’architetto Nino Principato, è collocata sulla rientranza del marciapiede adiacente Palazzo Zanca in via San Camillo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

Video popolari

La Resurrezione di Lazzaro di Caravaggio, una targa ricorda il luogo dove fu dipinto

MessinaToday è in caricamento