Attualità

I militari dell'esercito tra i bimbi dei reparti pediatrici, musica e panettone all’insegna della solidarietà

L’iniziativa promossa dai fanti della Brigata “Aosta” per i piccoli affetti da gravi patologie che saranno costretti a trascorrere le prossime festività in ospedale

I militari dell’Esercito condividono il Natale con i bambini dei reparti pediatrici. In Sicilia i militari dell’Esercito condividono il Natale con i bambini dei reparti pediatrici dell’ospedale “Nuovo Garibaldi” di Catania e del Policlinico Universitario di Messina.

Gli uomini e le donne del 62° Reggimento Fanteria “Sicilia” della Brigata “Aosta” hanno portato a Catania la loro vicinanza ai piccoli ospiti del reparto pediatrico dell’ospedale “Nuovo Garibaldi”, mentre contemporaneamente i colleghi del 6° Reparto Comando e Supporti tattici “Aosta” regalavano un momento di spensieratezza ad altri bambini ricoverati al Policlinico Universitario di Messina. I militari hanno intrattenuto e allietato la giornata ai piccoli degenti con un concerto della Banda della Brigata “Aosta” e della Fanfara del 6° Reggimento Bersaglieri, trascorrendo del tempo in loro compagnia e donando a ciascuno il tradizionale panettone natalizio.

L’iniziativa è stata promossa, all’insegna della solidarietà, dai fanti della Brigata “Aosta”, che hanno acquistato e donato i panettoni per regalare un sorriso ai bambini affetti da gravi patologie che saranno costretti a trascorrere le prossime festività in ospedale.

La visita è stata l’occasione per far vivere ai bambini lo spirito del Santo Natale e far sentire loro la vicinanza degli uomini e delle donne in uniforme. Al termine dell’incontro, i bambini hanno manifestato sentimenti di gioia per la gradita sorpresa dimostrando ai militari grande affetto e vicinanza, suggellando ancora una volta il forte legame tra l’Esercito e la comunità cittadina etnea e peloritana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I militari dell'esercito tra i bimbi dei reparti pediatrici, musica e panettone all’insegna della solidarietà
MessinaToday è in caricamento