Storia cultura e tradizione: StrettoInfinito incorona le donne del mare

Grande successo per la prima edizione del Premio intitolato a Jeanne Villepreux e capitanato da Paola Pellicane. Dalle apneiste alle archeologhe passando dalle scrittrici, tutti i nomi delle regine dello Stretto vincitrici della manifestazione

Premio StrettoInfinito

“Lo Stretto è un luogo senza tempo, un luogo dell’anima in cui noi gente di mare ci riconosciamo” . Con  questo spirito Paola Pellicane, ideatrice dell’iniziativa,  ha reso il mare e le sue donne protagoniste del Premio StrettoInfinito “Culture del Mare”, sbarcato per la prima volta in città domenica scorsa al lido Sea’s Sport I Bagnini. 

Ad organizzare il premio intitolato a  Jeanne Villepreux  e dedicato alle donne che vivono il mare da protagoniste, l’omonima associazione presieduta dalla  Pellicane già promotrice del  trofeo di windsurf dedicato al padre Claudio Pellicane, esperto surfista morto tragicamente durante una regata nelle acque dello Stretto. StrettoInfinito rientra tra le inziative promosse dalla Regione Sicilia. A partecipare Linda Iapichino archeologa e studiosa di tradizioni locali e Fulvia Toscano-direttore artistico di Naxos legge e consulente Assessorato regionale dei beni culturali e identità siciliana. Presente l’assessore alle Politiche del mare Dafne Musolino.

“Siamo molto contente del risultato abbiamo avuto un enorme riscontro  con circa 90 persone presenti- racconta l’ideatrice- è stata molto apprezzata l’idea di promuovere la cultura del mare dando risalto alle donne che si sono distinte in vari settori che lo riguardano”.

A ricevere l’ambito premio Patrizia Maiorca, presidente della Riserva Naturale del Plemmirio, apneista  e figlia del celebre  sub Enzo Maiorca: “Di lei mi ha colpito l’eleganza e la semplicità- racconta la Pellicane- per lei la frugalità e la solidarietà esprimono la cultura del mare,  una cultura che deriva dalla capacità di saper apprezzare le cose semplici". 

Premiata anche Tiziana Fisichella, archeologa subacquea che attraverso il suo lavoro racconta la storia dei popoli che hanno solcato i nostri  mari. Non poteva mancare un premio dedicato alle “pescatrici laureate dello Stretto” Donato – Mancuso che con il loro lavoro hanno puntato sulla pesca tradizione che  tutela l’ambiente: “Loro sono riuscite a far rivivere un mestiere  tradizionale che era esclusivo appannaggio degli uomini”- precisa l’organizzatrice. Le stesse promuovono la pesca-turismo portando in giro i turisti sulle loro feluche per far conoscere da vicino la pesca tradizionale immersi  in uno scenario unico.

Altra donna di mare a ricevere il premio Katia Pastura, scrittrice ed editrice di Mesogea che promuove la letteratura del Mediterraneo e quindi anche dello Stretto luogo di unione, storia e scambio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“C’è stata molto partecipazione- continua soddisfatta  la presidente di StrettoInfinito- siamo riusciti a far conoscere attraverso l’attività di queste donne diversi aspetti legati al mare.L’idea è quella di mantenere il premio nel tempo, perché ha una sua autonomia rispetto alla regata. Un appuntamento da rinnovare  per promuovere la cultura del nostro mare e del nosto territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Far west sui Colli Sanrizzo, insulti e schiaffi tra due famiglie nell'area attrezzata di Musolino

  • Cade da cavallo e sbatte la testa, 18enne in gravissime condizioni

  • Rissa tra ragazzine a Villa Dante, due ferite: quattro pattuglie dei vigili per calmare gli animi

  • Ucciso a Los Angeles il regista Serraino, “Un amore spropositato per Messina che non gli ha mai tributato nulla”

  • La nuova Maserati Corse parla messinese, nel team di progettazione due ex studenti UniMe

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento