Domenica, 14 Luglio 2024
Attualità Tusa

Nasce la Triennale di Arte contemporanea all'Atelier sul Mare, Presti: "Diventerà la dimora dei giovani artisti di ogni futuro"

Tutte le novità in arrivo al museo-albergo unico al mondo di Castel di Tusa

E' ufficiale nasce la Triennale di Arte contemporanea all'Atelier sul Mare in collaborazione con le Università, i licei artistici e  le accademie. 

L'Atelier sul Mare è un museo-albergo d’arte contemporanea unico al mondo, a pochi metri da un mare meraviglioso, a Castel di Tusa (ME), piccolo borgo nei pressi di Cefalù. É qui che da sempre alberga l’utopia, quella dell’arte. Delle 40 stanze 20 sono capolavori unici: camere-istallazione la cui realizzazione è stata affidata ad artisti internazionali. Ideatore della Fiumara d’Arte (il parco di sculture all’aperto più grande d’Europa) Antonio Presti, è l’artefice di questa realtà incomparabile, dove paesaggio, cultura e arte si fondono per mostrare e far vivere ai visitatori di questo luogo magnifico, un’emozione indimenticabile: qui infatti è possibile immergersi con il corpo e la mente dentro le opere diventandone parte. Entrare e sostare in questi spazi emozionali infatti è come abitare un sogno e vivere una nuova dimensione dello spirito, godendo di quella gioia dell’esistere che solo la creatività dell’arte può donare. Antonio Presti, con una visione “alta ed altra”, ha così stravolto la funzione di camera d’albergo per consegnarla alla sua utopia: “È solo entrando e abitando la camera che l’opera sarà pienamente realizzata e completata; la presenza, l’uso della stanza, saranno parte integrante e fondamentale di essa”. Il museo-albergo Atelier sul Mare quindi è esclusivo centro internazionale, un museo vivo, dove l’ospite-visitatore non ha più un rapporto con l’arte contemplativo o estraneo, ma può vivere l’opera stessa in un puro stato emozionale.

Per quanto riguarda il futuro dell'Atelier parla ancora il suo fondatore: “Come un padre sostiene e assicura il futuro ai propri figli, - dichiara Antonio Presti - da artista sono padre delle opere che ho generato, ed è naturale per me pensare di proteggerle. Inizialmente avevo pensato di completare le rimanenti 20 stanze consegnandole tutte al museo. Oggi penso sia un errore perché l’ultimo atto creativo metterebbe fine alla contemporaneità diventando capolavoro di se stesso. Per l’atelier sul mare, quindi, in vista della sua riconsegna al futuro, è tempo di rigenerazione.” Il museo, che porta la firma dei più grandi artisti della nostra epoca, in questi 20 anni, per la sua indiscussa unicità, è divenuto meta internazionale di appassionati dell’arte e di viaggiatori curiosi ai quali è stata offerta l’opportunità di confrontarsi con la bellezza attraverso l’esperienza. E siccome un luogo di sperimentazione non può restare cristallizzato è arrivato il momento di proiettare l’Atelier al divenire. “Quando si pensa al futuro ci si interroga, - afferma Presti - ma è impossibile avere risposte certe, perché è la trasformazione lo spirito che anima il tempo. Coerente al mio essere, il desiderio non è lasciare un capolavoro d’arte autoreferenziale rispetto al mio tempo ma consegnare al futuro l’approccio a nuove sperimentazioni creative che solo le agenzie educative, come scuole, università e accademie possono garantire. Così ho pensato di istituire la “Triennale Della Contemporaneità”.

“Le venti stanze non firmate potranno essere consegnate alle istituzioni – continua Presti - che progetteranno e studieranno coinvolgendo nuove generazioni di artisti che attraverso laboratori della creatività potranno trasformarle. Così, nella mia visione l’Atelier sul Mare diventerà la dimora dei giovani artisti di “ogni futuro”, il luogo dove potranno sperimentare ed esibire liberamente la propria creatività. Immaginare nella mia casa artisti a lavoro nei loro nuovi linguaggi, in un futuro senza tempo, per me è gioia di vita. Ciò che vorrei è essere ricordato non per quello che ho fatto ma per la potenza del mio desiderio inesauribile di continuare ad educare alla bellezza. E grazie al progetto “Triennale” in armonia con il cambiamento dei linguaggi artistici del futuro, non ci sarà mai una data di fine alla contemporaneità di qualunque tempo”.

Atelier sul Mare

Le camere storiche realizzate dagli artisti internazionali dovranno essere consegnate a una Università di conservazione e restauro del contemporaneo. Con l’istituzione della Triennale della Contemporaneità le rimanenti 20 stanze potranno, come una tela bianca, essere sempre riprogettate e trasformate restituendo il linguaggio di quel momento storico con il contributo di studenti e artisti che coniugheranno con nuovi linguaggi dell’arte la parola futuro. La parte creativa sarà consegnata alla rete culturale dei Licei artistici delle Università Facoltà di Architettura e Designer e Accademie di Belle Arti. Le stanze così ogni tre anni si nutriranno di un processo rigenerativo. In tal modo tra restauro conservativo delle stanze d’autore e la riprogettazione degli spazi della contemporaneità passato e futuro si interfacceranno per sempre abbracciandosi per consegnare eterna bellezza.

In relazione alla gestione museale dei servizi: “Mi farebbe piacere creare istituzionalmente un rapporto con gli istituti alberghieri – prosegue Antonio Presti - Immaginate di ricevere la collaborazione da personale che non “serve” l’ospite ma educa attraverso i suoi contenuti. Una scuola d’eccellenza alberghiera per il futuro che possa gestire l’Atelier sul Mare sotto il profilo prettamente alberghiero.”

Il futuro della Fondazione Fiumara d’arte e del suo fondatore passano attraverso la certezza che venga mantenuto il fine ultimo e il pensiero stesso del suo creatore. L’esperienza della triennale è consegna personale di Antonio Presti, mirata alla gestione. “In questo percorso - attesta Antonio Presti - voglio che la Fondazione abbia una visione di continuità, non sarò io ma un comitato di persone d’eccellenza a scegliere e programmare in base alle specificità di ciascun componente. Un nucleo di persone che diventi comitato di garanzia per la consegna al futuro. L’immortalità delle opere sta in questo processo che non potrà avere un erede “padrone” ma un moto continuo fatto di persone e iniziative che si muovono in una stessa direzione: quella della bellezza”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce la Triennale di Arte contemporanea all'Atelier sul Mare, Presti: "Diventerà la dimora dei giovani artisti di ogni futuro"
MessinaToday è in caricamento