Attualità

Mata e Grifone saranno esposti al pubblico, sulla Vara sarà il Consiglio a dire l'ultima parola

Si stringono i tempi per le manifestazioni di agosto che non vedranno comunque cortei e processioni per le norme anticovid. Le ultime da Palazzo Zanca, mercoledì incontro in commissione Cultura

Non sarà come il 2020 l'agosto messinese delle tradizioni religiose e popolari. Ciò che trapela dal Comune è che a meno di sorprese dell'ultim'ora i Giganti Mata e Grifone, mitici fondatori di Messina, saranno esposti al pubblico a Camaro per un'intera giornata per poi dirigersi in piazza Unione Europea secondo le classiche date che dovrebbero iniziare nella seconda settimana di agosto per proseguire fino a dopo il 15. Nessun corteo seguirà i Giganti durante il trasferimento a ridosso di Palazzo Zanca per potersi mostrare a messinesi e turisti. Sul programma di Mata e Grifone non sono giunte obiezioni dalla prefettura competente a decidere in materia di ordine pubblico. Sulla Vara, invece, l'idea dell'amministrazione comunale è di lasciare la parola ai consiglieri comunali che rappresentano con l'elezione direttamente i cittadini. Sulla festività dell'Assunta mercoledì confronto tra gli esponenti politici in commissione Cultura, forse ci sarà un ulteriore passaggio in Consiglio, per sapere se la Vara sarà montata totalmente oppure no (a quanto pare gli Storici propendono per il montaggio completo e l'esposizione) e dove esibirla ai fedeli. La Vara è la festività religiosa più sentita e importante della città e che prima dell'arrivo del coronavirus richiamava in strada centinaia di migliaia di persone dal pomeriggio alla notte di ferragosto. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mata e Grifone saranno esposti al pubblico, sulla Vara sarà il Consiglio a dire l'ultima parola

MessinaToday è in caricamento