rotate-mobile
Cronaca

L'arresto dello "spaccavetrine", Confcommercio chiede comunque un Tavolo sicurezza

Carmelo Picciotto commenta quanto avvenuto nelle ultime settimane ai negozianti e pensa al futuro

Dopo l'arresto dell'autore dei furti con lo spacca vetrine il presidente della Confcommercio intende convocare un Tavolo sicurezza. 

Spacca vetrine, arrestato l'autore

"Ringraziamo le Forze dell'Ordine con le quali mi complimento con per l'arresto a Messina di un uomo accusato di essere l'autore di alcuni furti con il metodo 'spacca vetrine' avvenuti in città - afferma Picciotto - nei giorni scorsi difatti, questa persona si è resa protagonista di assalti violenti e ha sfregiato in modo fastidioso e inaccettabile il nostro sistema commerciale, già messo alla prova da aumenti delle materie prime, mancanza di importanti entrate nel periodo dei saldi e aumento dei tributi comunali. Questi episodi criminali inoltre, avvengono in un sistema Paese dove è evidente il disagio sociale sono stati ridimensionati alcuni sistemi di contrasto e aiuto alla povertà, alimentando minacce da non trascurare e analizzare sotto tutti i profili culturali. E' fondamentale quindi anche un'attenzione sulla percezione della sicurezza dei cittadini e dei commercianti polche questi furti rendono meno sicuro il tessuto commerciale e dello shopping di questi circuiti formati da piccole e medie imprese che dobbiamo tutelare e assistere con maggiori misure. Per questi motivi convocherò nei prossimi giorni un tavolo sulla sicurezza alla Confcommercio e sarebbe auspicabile la convocazione anche in Prefettura di un ulteriore tavolo dove noi potremo portare le nostre proposte per la sicurezza per discutere le maggiori misure di contrasto a queste tipologie di reati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'arresto dello "spaccavetrine", Confcommercio chiede comunque un Tavolo sicurezza

MessinaToday è in caricamento