Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca

Troppo lavoro straordinario per gli autisti Atm, l'azienda non modificherà i piani: "Ci tuteleremo dal rifiuto dei lavoratori"

L'azienda ha risposto alle critiche di Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Orsa sull'utilizzo dei conducenti oltre gli orari ordinari

Sul numero di ore di lavoro straordinario degli autisti contestato dai sindacati Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Orsa Atm Spa non modificherà i piani. L'azienda ha risposto alla nota delle organizzazioni evidenziando di aver sempre agito nel pieno rispetto della normativa. "Nella loro nota, i sindacati si sono infatti limitati a riportare un periodo di osservazione di appena 4 settimane,  anziché di 26 settimane come contrattualmente previsto - ai legge nella replica - l’art. 28 del CCNL Autoferrotranvieri stabilisce, al comma 2 il limite massimo delle prestazioni lavorative straordinarie individuali, fissato in 150 ore per ogni periodo di 26 settimane consecutive, fermo restando che la media oraria, comprensiva del lavoro straordinario, non può in ogni caso superare le 48 ore settimanali nell’arco del medesimo periodo di 26 settimane. Dalla lettura delle norme del CCNL Autoferrotranvieri inerenti al lavoro straordinario e dalla disposizione prevista dal DLG n. 66/2003,  è infatti evidente come il lavoratore può essere chiamato a svolgere fino a 150 ore di straordinario per ogni periodo di 26 settimane, senza conteggiare in tale massimale le ore svolte ai sensi dell’art. 5 comma 4, del DLG n. 66/2003, purché la durata media dell’orario di lavoro non superi per ogni periodo di 26 settimane il limite delle 48 ore settimanali". Nessuna irregolarità per Atm che ricorda come molti lavoratori oltre ad aver preventivamente prestato il proprio consenso allo svolgimento di lavoro straordinario all’atto della sottoscrizione del contratto individuale, hanno definito accord  per incrementare il limite contrattuale.

"A fronte di un eventuale diniego di svolgere lavoro straordinario - conclude Atm - che possa procurare un danno alla produzione rispetto ai servizi forniti, ATM SpA attiverà gli strumenti necessari per tutelarsi dagli eventuali pregiudizi subiti a causa del rifiuto opposto dal lavoratore”.

La posizione dei quattro sindacati è che: "Atm SpA si è persa in un “cul de sac”, nella bramosia di dimostrare massima efficienza alla città e dispone servizi, anche superflui, senza avere a disposizione il personale necessario". 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppo lavoro straordinario per gli autisti Atm, l'azienda non modificherà i piani: "Ci tuteleremo dal rifiuto dei lavoratori"
MessinaToday è in caricamento