rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024
Cronaca Barcellona Pozzo di Gotto

Il ricordo di Beppe Alfano a 31 anni dall'omicidio

La sera dell'8 gennaio 1993 il cronista fu ucciso dalla mafia davanti la sua abitazione di Barcellona Pozzo di Gotto. I messaggi di Schifani e Colosimo

Sono passati 31 anni dalla morte di Beppe Alfano, il cronista messinese ucciso dalla mafia l'8 gennaio 1993. A Barcellona, sua città natale e luogo del delitto, la commemorazione con la messa al Duomo e il convegno “La mafia barcellonese a Trentuno anni dall’omicidio di Beppe Alfano: la lotta per la verità sul delitto e sui depistaggi continua”. Al dibatto i familiari del cronista de "La Sicilia" ed esponenti politici regionali.

Intanto, a ricordare Alfano è il presidente della Regione Renato Schifani. "Nel trentunesimo anniversario della sua tragica uccisione desidero rinnovare, a nome mio e del Governo regionale, la più sincera vicinanza ai familiari e ricordare lo straordinario impegno per la salvaguardia degli ideali di legalità e giustizia, a cui Alfano si ispirava, e che sono alla base della nostra democrazia e del nostro vivere civile". 

“L’8 gennaio del 1993 moriva a soli 47 anni Beppe Alfano, ucciso da Cosa Nostra con tre proiettili mentre si trovava dentro la sua auto in sosta, sotto la sua abitazione a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina. lnsegnante per professione e giornalista per passione, si occupava di cronaca e di inchieste per alcune emittenti locali, ed era corrispondente del quotidiano 'La Sicilia'". Lo afferma invece sui social la presidente della Commissione parlamentare Antimafia Chiara Colosimo. "Con il suo lavoro da giornalista e con i suoi articoli, ebbe un ruolo fondamentale per rivelare la presenza della criminalità organizzata in provincia di Messina. Attraverso le sue inchieste emersero vicende di appalti irregolari, traffico di stupefacenti e armi, intrecci tra cosche, amministrazioni locali e massoneria - sottolinea - Per Beppe Alfano, la lotta alla criminalità organizzata era un impegno da perseguire con dedizione, con l'obiettivo di avere un società libera dalla sopraffazione mafiosa”.

Intanto, lo scorso ottobre si era chiusa con un'archiviazione l'ultima inchiesta sul delitto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ricordo di Beppe Alfano a 31 anni dall'omicidio

MessinaToday è in caricamento