VIDEO | Massiccia adesione allo sciopero dei lavoratori autostradali, Franchina: “Falcone cerca solo soldi per le imprese”

L'attacco di Graziella Franchina dello Sla-Cisal alla Regione, al fianco dei lavoratori che oggi hanno aderito in massa allo sciopero. Le segreterie delle organizzazioni sindacali: “La misura ormai è colma”

“Cosa non sta funzionando alla Regione siciliana, perchè da dieci anni ci bloccano. Noi siamo veramente preoccupati per il comportamento alla Regione e non dei vertici del Consorzio. Le nostre delibere arrivano a Palermo e puntalmente le rimandano indietro”. E' duro l'attacco della segretaria dello Sla-Cisal, Graziella Franchina, all'assessorato regionale ai Trasporti. “Ieri è venuto Falcone al Consorzio e pensavamo lasciasse qualche parola di conforto ma l'unica cosa che ha fatto è cercare soldi per le imprese. E per il personale? Cosa sta facendo l'assessore Falcone per il personale?”.

Una presa di posizione che oggi ha coinvolto tanti lavoratori autostradali che hanno aderito in maniera massiccia allo sciopero proclamato nei giorni scorsi.

“Già dal primo turno mattutino si registra l’adesione totale dei lavoratori, tutti compatti gli esattori dalla barriera di Buonfornello a quella di Catania dalla A20 alla A18 - dichiarano le segreterie di Filt Cgil Fit Cisl Uiltrasporti Ugl e SLA - a testimonianza che la misura ormai è colma e che la pazienza dei lavoratori si è esaurita. Sette mesi non sono bastati alla Regione e ai vertici del Consorzio per adeguarsi alla legge 4/2021 - dichiarano i sindacati - e mentre il medico studia il Cas muore. Le fin qui vane attese dei lavoratori sui dovuti riconoscimenti dei propri diritti contrattuali sono esplose oggi in una altissima adesione allo sciopero che sfiora il 100% . La protesta è la logica conseguenza del perdurare di uno stallo nella concreta trasformazione dell’ente - concludono i sindacati - ma all’esasperazione dei lavoratori oggi in lotta per i propri diritti si uniscono le speranze dei tanti lavoratori precari che attendono i bandi di assunzione ed in ultimo, ma non meno importante , le aspettative di milioni di utenti siciliani che hanno diritto ad un servizio sicuro ed efficiente che solo un reale rilancio del consorzio potrà garantire”.

Ieri, la governance di Autostrade Siciliane, così come preannunciato nel confronto sindacale tenutosi alla Prefettura di Messina lo scorso martedì 28 settembre, ha portato a termine un altro storico passaggio amministrativo ai fini della disciplina del nuovo inquadramento giuridico ed economico del personale. Il provvedimento ora attende l’approvazione della Giunta della Regione Siciliana.

Sullo stesso argomento

Video popolari

VIDEO | Massiccia adesione allo sciopero dei lavoratori autostradali, Franchina: “Falcone cerca solo soldi per le imprese”

MessinaToday è in caricamento