rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Cronaca Santa Margherita / Via Nazionale , Contrada Ponte Schiavo

In assoluto degrado quel poco che resta della vecchia tranvia

Erbacce e rifiuti circondano il ponte in ferro utilizzato fino agli anni '50. Così Messina volta le spalle al suo passato

Messina volta le spalle al suo passato anche in tema trasporti. Sono pochissimi i reperti della vecchia tranvia che fino al 1951 collegava Torre Faro a Giampilieri e che anni prima, nel periodo della sua massima estensione arrivava fino a Barcellona Pozzo di Gotto. Tra ciò che può ancora testimoniare l'esistenza del vecchio tram c'è il piccolo ponte in ferro a ridosso del cavalcavia da cui inizia la Provinciale per Pezzolo nel villaggio di Ponte Schiavo.

Un ponticello in ferro su cui ci sono poggiati perfino i resti dei binari sopra il torrente Santo Stefano e praticamente di fronte alla fermata della Metroferrovia. Ma la struttura ormai è divorata dalla ruggine e dall'incuria. Intorno ci sono infatti solo erbacce e rifiuti che quasi nascondono ciò che invece andrebbe valorizzato. Basterebbe un intervento di pulizia e magari dei punti luce. Poi una targa che spieghi cosa rappresenta quel vecchio ponte malandato su cui passavano i tram da e per l'estrema periferia sud. A gestire i collegamenti la Sats, società municipalizzata antenata dell'odierna Atm. Sulle condizioni del ponte si è interessato anche il primo Quartiere con in testa il presidente Alessandro Costa, diverse le richieste di bonifica e messa in sicurezza presentate, ma finora nulla si è mosso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In assoluto degrado quel poco che resta della vecchia tranvia

MessinaToday è in caricamento