rotate-mobile
Venerdì, 12 Aprile 2024

VIDEO | Hotel e lido di Mortelle, la Eulele ancora a caccia di concessioni: "Poi due anni per realizzare il Resort"

Il consiglio comunale ha ascoltato in aula i vertici della società che si è aggiudicata nel 2019 l'asta per un milione e mezzo di euro. Secondo il progetto dovrebbe sorgere una struttura di lusso, con spa e ristorante gourmet. Ma i tempi per ottenere tutte le autorizzazioni sono stati lunghi e intanto la zona è nel degrado

La concessione dell'assessorato regionale al territorio e all'ambiente e il permesso di costruire da parte del Comune di Messina. Sono questi gli ultimi step che mancano alla società Eulele, che si è aggiudicata nel 2019 l'asta da un milione e mezzo di euro per l'acquisto dell'Hotel e del Lido di Mortelle, per far partire i lavori di quello che dovrebbe diventare, secondo il progetto della società, un resort di lusso con spa e ristorante gourmet. A voler vedere chiaro sullo stato dell'arte della realizzazione dell'opera e per tornare ad accendere i riflettori sullo stato di degrado in cui, nell'attesa di concessioni e autorizzazioni, continua a vertere ancora l'area è stato il consiglio comunale che questo pomeriggio ha ascoltato in aula la titolare della società Monica Fedele, insieme al legale della Eulele Sabrina Donato e a Vincenzo Grizzaffi, amministratore delegato della PrimeItalia Spa, holding finanziatrice della società. 

"Nel corso di questi anni ci siamo scontrati con problematiche normali per un’area soggetta comunque a diverse giurisdizioni - ha spiegato Monica Fedele - Abbiamo provato tramite conferenze dei servizi a interloquire ente per ente per poter raggiungere un progetto unitario che vedesse tutti esprimere la propria idea su un’area che ha anche un vincolo sul piano regolatore". Tre anni durante i quali è stato necessario sanare la situazione lasciata del commissario e ottenere l'ok da parte di comune, regione e soprintendenza. "Grazie alla collaborazione del demanio in tre anni siamo riusciti a ottenere il subingresso nel tratto che non è di pertinenza dei privati ma è di proprietà del comune e abbiamo trovato disponibilità a interloquire con l'ufficio comunale per ogni richiesta presentata", ha sottolineato ancora Fedele. 

Un iter che, comunque, non ha messo a riparo la struttura fatiscente e la strada su cui sorge dal degrado in cui, anno dopo anno, è caduta sempre di più squarciando una ferita sempre più grande nel cuore dei messinesi che hanno ancora alla memoria i fasti di quello che è stato per diversi decenni un fiore all'occhiello per la città nel settore dell'accoglienza e della stagione balneare. "La ditta ha messo in opera ciò che serviva per sbarrare l'ingresso agli avventori - ha detto ancora Fedele - Abbiamo recintato l'area a mare, la parte antistante la strada, interdetto la terrazza dove salivano i ragazzi per fare i selfie nonostante i rischi. Presidiamo quasi h24 l'area e non è mancato da parte nostra l'impegno per la tutela della sicurezza". 

Un "atto di difesa" quello della società che, al netto di tutti gli step che sono stati necessari per poter subentrare alla proprietà, ha già investito circa 7 milioni di euro e ne dovrà ancora mettere in campo 8 milioni. Questo secondo la stima di Vincenzo Grizzaffi secondo cui "il cantiere durerà due anni per la piena realizzare del progetto", ha spiegato a MessinaToday. A ribadire, tuttavia, la necessità di un intervento di riqualificazione di tutti gli spazi connessi al Lido e all'Hotel i consiglieri comunali Dario Carbone, Antonella Russo e Pippo Trischitta, che sono intervenuti in aula per sottolineare comunque l'importanza non soltanto dell'investimento dei privati per riportare luce a tutta la zona di Mortelle, ma anche la necessità di una collaborazione concreta anche da parte del comune per gli spazi di sua pertinenza. Primo fra tutti la strada. 

Video popolari

VIDEO | Hotel e lido di Mortelle, la Eulele ancora a caccia di concessioni: "Poi due anni per realizzare il Resort"

MessinaToday è in caricamento