Giovedì, 18 Luglio 2024
Incendi

Incendi in città, entro il 7 agosto le istanze per la ricognizione dei danni: chiesto l'aggiornamento del catasto

Sul sito del Comune il modulo. Di prevenzione e controlli antincendio si è parlato anche all'incontro organizzato dal Pd. L'appello dell'avvocato Notarianni ai rappresentanti del territorio e l'interrogazione di La Fauci (Ora Sicilia): "Stop a Tari e Imu per chi ha subito la distruzione dei propri immobili"

Il sindaco Federico Basile unitamente all’assessore alla Protezione civile Massimiliano Minutoli, rende noto che gli uffici comunali competenti stanno avviando le prime ricognizioni dei danni registratisi in Città, a seguito degli incendi dello scorso 24 luglio. Pertanto, i cittadini interessati a comunicare i danni subiti dovranno compilare un apposito modulo, disponibile sul sito istituzionale del Comune all’indirizzo www.comune.messina.it, e inviarlo a mezzo pec a protocollo@pec.comune.messina.it, entro il 7 agosto 2023. 

“L’attività di accertamento è stata predisposta su richiesta del Dipartimento regionale di Protezione civile. Ribadiamo ancora una volta l’invito alla cittadinanza di prestare sempre la massima attenzione per prevenire eventuali rischi, in particolare a tutti i proprietari e conduttori di aree boschive, rurali e agricole, a tenere le aree in oggetto in condizioni di decoro e pulizia, libere da rami e materiale che possa favorire la combustione.  Il periodo estivo è un momento molto delicato per le alte temperature è necessario tenere gli occhi aperti e avere cura del nostro territorio”, concludono il sindaco Basile e l’assessore Minutoli. 

Di prevenzione e controlli antincendio si è parlato proprio ieri nel corso un incontro al Comune di Messina organizzato dal Partito Democratico al quale erano presenti tutti i rappresentanti del territorio della provincia di Messina. Partecipatissimo l'incontro durante la quale l'avvocato Aurora Notarianni ha lanciato l'appello ai sindaci, alla deputazione e a tutti i rappresentanti locali di intervenire affinché sia rispettato l'obbligo che prevede di creare e aggiornare il catasto dei terreni che hanno subito incendi e che quindi devono essere vincolati all'uso secondo la destinazione precedente all'incendio, ovvero ad opere di interesse pubblico essendo vietato il diverso uso per qualsiasi attività produttiva.

Il Comune di Messina sta ottemperando ma la problematica investe tutto il territorio. L'aggiornamento del catasto è importantissimo ai fini della tutela del territorio e anche per garantire le attività di ripristino volte ad evitare danni come quelli che si sono verificati per esempio dopo gli incendi a Stromboli.

Appelli arrivano anche sul fronte della solidarietà. In una interrogazione al sindaco Federico Basile, il consigliere Giandomenico La Fauci del gruppo consiliare Ora Sicilia, chiede  di sapere quali azioni sono svolte a tutela dei tanti cittadini vittime dei danni da rogo e le relative misure di supporto. "Il Comune di Messina - scrive La Fauci - potrebbe individuare soluzioni non solo di carattere economiche, interessando le numerose partecipate collegate, ovvero prevedendo la sospensione, se non addirittura l'annullamento sia della Tari che dell'Imu, per coloro che hanno subito la distruzione dei propri immobili.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendi in città, entro il 7 agosto le istanze per la ricognizione dei danni: chiesto l'aggiornamento del catasto
MessinaToday è in caricamento