rotate-mobile
Cronaca

Incidenti stradali mortali, dati preoccupanti: riunione dal prefetto

Proseguono i lavori dell’Osservatorio per il monitoraggio e la pianificazione contro i sinistri

Proseguono i lavori dell’Osservatorio per il monitoraggio e la pianificazione di interventi sulla incidentalità stradale, costituito presso la Prefettura di Messina, nell’ambito della Conferenza Provinciale Permanente, per effettuare un monitoraggio dell’andamento dei sinistri stradali e di analizzare le cause e le possibili iniziative da intraprendere. 

Oggi, presso il Palazzo del Governo, si è tenuta una riunione presieduta dal prefetto Cosima di Stani, convocata a seguito dei recenti sinistri mortali avvenuti a Messina.  nelle ultime settimane e che hanno destato particolare preoccupazione sul fenomeno dell’incidentalità in ambito cittadino.

All’incontro hanno partecipato i rappresentanti del Comune di Messina, della Questura, del Comando Provinciale dei Carabinieri, del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, della Polizia Municipale, della Polizia Metropolitana, della Sezione della Polizia Stradale di Messina, dell’Ufficio Provinciale della Motorizzazione Civile, dell’ANAS, del CAS, della Centrale Operativa del 118 e dell’ASP.

Il prefetto, in apertura di riunione, ha evidenziato l’importanza di avviare una riflessione sul tema della sicurezza stradale e sul contributo che questa offre alla percezione di sicurezza generale da parte della cittadinanza.

Le forze di polizia presenti all’incontro, nel confermare i preoccupanti dati sui sinistri occorsi di recente, hanno riferito che la principale causa di incidentalità è rappresentata dall’eccesso di velocità, fattore che, peraltro, rende più gravi gli effetti degli incidenti provocati da altre violazioni o dalla distrazione alla guida dei conducenti. Un altro dato emerso all’incontro riguarda la fascia oraria nella quale si registra un maggior numero di sinistri, ossia quella giornaliera, che induce a riflettere sulla circostanza per cui, più che a carenze strutturali delle strade o a ridotte condizioni di visibilità, la maggiore incidentalità è dovuta alla disattenzione alle regole del Codice della Strada da parte di molti utenti.

Grande rilevanza è stata data al tema dell’educazione stradale e alla necessità di adottare efficaci campagne di sensibilizzazione dei conducenti, anche mediante il coinvolgimento della stampa. Nel corso della riunione è emersa l’esigenza di intensificare i controlli in città mediante l’intervento di un maggior numero di pattuglie della Polizia Locale per contrastare non soltanto l’eccesso di velocità – anche mediante l’utilizzo di dispositivi elettronici – ma anche i comportamenti scorretti alla guida, quale, in via esemplificativa, l’utilizzo degli smartphone, che rappresenta una causa di distrazione dalla guida. Sono state vagliate, inoltre, diverse soluzioni di carattere strutturale per limitare l’eccesso di velocità, che possono essere attuate in tempi brevi e con costi contenuti per l’Amministrazione Comunale, quali: attraversamenti pedonali presegnalati, revisione o installazione dei semafori pedonali, dissuasori luminosi e bande ottiche, bande rumorose di segnalazione in prossimità degli attraversamenti pedonali e degli incroci, infovelox, installazione di sistemi photored al fine di rilevare il passaggio vietato con luce rossa e di indurre l’automobilista a rallentare in prossimità del semaforo. In conclusione, il Prefetto ha ringraziato tutti i partecipanti per i preziosi contributi offerti e ha proposto l’istituzione di un gruppo di lavoro ristretto, in seno all’Osservatorio, composto da Polizia Municipale, Polizia Metropolitana, Sezione di Polizia Stradale di Messina, ANAS, che uniranno le loro competenze tecniche al fine di individuare i punti di maggiore sinistrosità e di proporre le soluzioni che meglio si adattano al tipo di strada e alla tipologia di utenti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidenti stradali mortali, dati preoccupanti: riunione dal prefetto

MessinaToday è in caricamento