Cronaca

“La Sicilia per i non vedenti, rendiamo fruibili i beni culturali e ambientali”, al via il progetto dei Lions

Inaugurate a palazzo Zanca 6 targhe braille. L'iniziativa nell'ambito del progetto per rendere fruibili e accessibili alle persone affette da disabilità visive alcuni beni culturali particolarmente significativi

“La Sicilia per i non vedenti, rendiamo fruibili i beni culturali e ambientali”, progetto realizzato dai 5 Club Lions di Messina Host, Ionio, Peloro, Tyrrhenum e Colapesce, coordinati dalla presidente di Zona Anna Capillo, è stato presentato oggi, giovedì 8, a palazzo Zanca, alla presenza del sindaco Federico Basile e dell’assessore alla Cultura e al Turismo Vincenzo Caruso.

All’incontro hanno preso parte i presidenti dei Lions messinesi, rispettivamente dei club “Host” Santo Morabito; “Ionio” Giuseppe Ruggeri; “Peloro” Maria Gabriella Urso; “Tyrrhenum” Giacomo Dugo; “Colapesce” Consuelo Maisano; il presidente della III circoscrizione Lions Andrea Donsì e la referente Marisa Volpini; il delegato al Service Distrettuale “La Sicilia per i non vedenti” Ignazio Calogero; la coordinatrice distrettuale Area Progettualità Lucrezia Lorenzini; e il Past Governatore del Distretto Lions 108Yb Sicilia Francesco Freni Terranova.

Il sindaco Basile nel ringraziare i partecipanti si è complimentato per l’iniziativa che “abbiamo pienamente condiviso e patrocinato per la doppia finalità sociale e culturale volta ad offrire – ha detto Basile – alle persone con minorazione visiva l’opportunità di vivere esperienze quale nella fattispecie quella di fruire dei beni culturali cittadini attraverso il metodo di lettura Braille e favorire anche l’integrazione sociale”. Sotto il profilo turistico e culturale “è motivo di orgoglio – ha aggiunto l’assessore Caruso – potere ammirare in prossimità dei più significativi e importanti beni culturali della Città le targhe donate dai Club Lions Messina, una iniziativa che ne valorizza ancor più gli scopi sociali dei Lions mirati sempre alla partecipazione attiva al bene civico, culturale, sociale e morale della comunità”.

I contenuti dell’iniziativa, patrocinata anche dalla Soprintendenza di Messina, sono stati illustrati dalla presidente di Zona Capillo che nel ringraziare l’Amministrazione Basile ha sottolineato l’impegno dei Lions da sempre profuso in attività di servizio rivolte a migliorare la qualità della vita dei non vedenti ed ipovedenti, sia a livello delle comunità locali che a livello internazionale. “Il progetto realizzato nell’ambito del Service Distrettuale promosso dal Governatore del Distretto Lions 108 Yb Sicilia Maurizio Gibilaro e diffuso su tutto il territorio siciliano mira all’abbattimento delle barriere sensoriali, all’integrazione socio culturale e alla mobilità autonoma per non vedenti ed ipovedenti. I cinque Club Lions della Zona 7 di Messina hanno realizzato – ha detto la presidente di Zona Capillo – 6 targhe braille munite di QR code con testo audio in lingua italiana e inglese, collocate alla base della cartellonistica turistica già esistente, allo scopo di rendere fruibili e accessibili alle persone affette da disabilità visive alcuni beni culturali particolarmente significativi del centro storico cittadino ma fruibili comunque – ha concluso la Capillo – a tutta la comunità locale e ai turisti in visita nella nostra città”.

I siti interessati sono il Duomo e il Campanile, la Statua dell’Immacolata, la Statua di Don Giovanni d’Austria, la Chiesa Santissima Annunziata dei Catalani e la Statua di Messina. Il service distrettuale, curato dal delegato del Distretto Lions Ignazio Caloggero, prevede anche la realizzazione di un Archivio Multimediale Lions che rappresenterà su una mappa interattiva tutte le postazioni installate nella quale sarà possibile localizzarle ed individuare il percorso per raggiungerle. L’archivio non si limiterà a riprodurre i contenuti delle targhe installate ma sarà corredato anche da immagini, video, audio e ulteriori informazioni relative ai siti ed ai club che hanno aderito al service. L’apposizione delle targhe braille si inserisce anche in un più ampio progetto di “Trekking urbano” per persone non vedenti e ipovedenti condiviso dai Club Lions della Zona 7 di Messina promosso dal Lions e Leo Club Messina Ionio, redatto da Filippo Grasso delegato Distrettuale Lions per lo sviluppo del Turismo territoriale – borghi e antichi cammini.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“La Sicilia per i non vedenti, rendiamo fruibili i beni culturali e ambientali”, al via il progetto dei Lions
MessinaToday è in caricamento