Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca Patti

Cresce l'esercito di sindaci contro il 5G, antenne vietate anche a Patti

Mario Aquino firma l'ordinanza che vieta l'installazione delle nuove tecnologie “fino a quando non sarà esclusa qualsivoglia forma di pericolosità per la salute delle persone”

Cresce l'esercito di sindaci che vietano l'installazione di antenne ed apparecchiature per telecomunicazioni con tecnologia 5G. Dopo l'ordinanza del sindaco di Messina, anche quello di Patti ha firmato un analogo provvedimento “fino a quando non sarà esclusa qualsivoglia forma di pericolosità per la salute delle persone”.

Mario Aquino fa divieto “in applicazione del principio di precauzione sancito e riconosciuto dall’Unione Europea, a chiunque di sperimentare, installare e diffondere sul territorio del Comune di Patti impianti con tecnologia 5G, in attesa di dati scientifici più aggiornati fra i quali la nuova classificazione della cancerogenesi delle radiofrequenze 5G annunciata dall’International Agency for Research on Cancer e prendendo in riferimento i dati scientifici più aggiornati e già disponibili sugli effetti delle radiofrequenze, che evidenziano l’estrema pericolosità per la salute dell’uomo”.

Secondo il sindaco di Patti possiamo tranquillamente fare a meno di questa tecnologia, accontentandoci di quella - il 4G attuale, attualmente in uso. “Credo che il progresso scientifico e la tecnologia debbano sempre e comunque trovare una barriera invalicabile nel rispetto del diritto inviolabile alla salute”.

Nella sua ordinanza, Aquino, ricorda anche che per riscontrati gli “effetti nocivi sulla salute umana”, il 15 gennaio 2019 il Tar del Lazio ha quindi condannato i Ministeri di Salute, Ambiente e Pubblica Istruzione a promuovere una adeguata campagna informativa “avente ad oggetto l’individuazione delle corrette modalità d’uso degli apparecchi di telefonia mobile”, mentre una serie di sentenze emesse nell’ultimo decennio dalla magistratura internazionale e italiana attestano il danno da elettrosmog, l’elettrosensibilità ed il nesso causale telefoninocancro anche oltre ogni ragionevole dubbio (Cassazione 2012), tanto che note compagnie internazionali di assicurazioni come Swiss Re e Lloyd’s non ne coprono più il danno.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cresce l'esercito di sindaci contro il 5G, antenne vietate anche a Patti

MessinaToday è in caricamento