rotate-mobile
Piatti tipici

Piscistoccu a' ghiotta, un piatto della tradizione messinese che è poesia

La ricetta dal sapore unico di una pietanza che arriva da lontano

La sua origine è lontana ed è legata ad un celebre detto molto diffuso in città:"Sciroccu, malanova e piscistoccu a Missina non mancanu mai”. Il nostro angolo dedicato al cibo oggi è dedicato ad un classico messinese: la ghiotta di pescestocco. L'uso del merluzzo essiccato nelle tavole siciliane è di derivazione normanna. Il suo utilizzo  in Europa è collegato al  Concilio di Trento che impose  la   regola di  “cucinare di magro”. Nel '500 grazie agli scambi del porto di Messina il pescestocco divenne il simbolo della cucina locale che si preparava e si mangiava nelle  “putii di manciari”, indimenticabile quella di Don Fanu in cui il pescestocco  si cucinava nella versione popolare con le patate. Scopriamo insieme la ricetta tradizionale della la ghiotta di pescestocco.

Ingredienti 

1 kg stoccafisso ammollato
cipolla grande
sedano q.b.
aglio q.b.
concentrato pomodoro q.b.
1 bottiglia salsa di pomodoro 
500 g patate
olive verdi in salamoia q.b.
capperi q.b.
olio q.b 
sale q.b. 
pepe nero q.b.
 

Preparazione

Passare in una padella con olio caldo un trito di cipolla e aglio e aggiungere un cucchiaio di concentrato di pomodoro.  Procedere versando  lentamente la salsa e poi il sedano, capperi ben lavati e olive, sale e pepe. Far cuocere per 20 minuti circa, successivamente unire le patate già lavate e  tagliate e continuare la cottura per uteriori  10 minuti. A  questo punto va aggiunto il pescestocco precedentemente lavato, asciugato  e soffritto, continuare la cottura a fuoco lento per ulteriori 20 minuti circa fino a quando il pesce risulterà cotto. E' possibile usare il sugo anche per condire la pasta. La vostra ghiotta è pronta. Buon appetito!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piscistoccu a' ghiotta, un piatto della tradizione messinese che è poesia

MessinaToday è in caricamento