rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
Eventi Taormina

Archeofilm Taormina, il tedesco “Il mistero del cavallo di Troia” vince la prima edizione del Festival del cinema archeologico

Consegnato a Sgarbi il Premio Tusa: “Il mio sogno? La ricostruzione del Tempio G di Selinunte, idea mia condivisa anche da Sebastiano”

Il film tedesco “Il mistero del cavallo di Troia”, con l’affascinante teoria dell’archeologo subacqueo Francesco Tiboni che riscrive uno dei miti della cultura occidentale, si aggiudica il Premio Taormina Naxos Archeofilm 2023 assegnato domenica 16 luglio al Teatro Antico di Taormina per la serata finale del festival del cinema archeologico. A scegliere la pellicola, diretta dai registi Roland May e Christian Twente, il pubblico del festival che nei tre giorni ha espresso il proprio giudizio al termine di ogni proiezione al Teatro Antico di Taormina e al Teatro della Nike a Naxos. La manifestazione - prodotta e organizzata dal Parco archeologico Naxos Taormina, diretto da Gabriella Tigano, e dalla Fondazione Tusa, presieduta da Valeria Li Vigni, in collaborazione con Firenze Archeofilm/Archeologia Viva direzione Piero Pruneti – ha visto anche la consegna a Vittorio Sgarbi del Premio Sebastiano Tusa da parte dell’omonima fondazione. La motivazione: per la competenza e la libertà intellettuale con cui da uomo di cultura ha sempre guardato al patrimonio della Sicilia mettendone in evidenza l'eccezionale stratificazione e le potenzialità per una qualificata crescita economica dell'isola. In particolare per aver condiviso con Sebastiano Tusa importanti progetti di ricerca e valorizzazione”.

Intervistato da Pruneti, Sgarbi ha rilanciato il progetto di ricostruzione (anastilòsi) del Tempio G di Selinunte. “Un’idea – ha commentato lo storico dell’arte e sottosegretario alla Cultura, Sgarbi- che ho lanciato io e che poi ha condiviso anche Tusa da assessore regionale. Porterebbe generare nuovi flussi di visitatori e l’investimento, per il quale avevo già un imprenditore interessato, si ripagherebbe da solo in un po’ di anni”. Alla serata finale dell’Archeofilm hanno preso parte anche Mario La Rocca, Dirigente Generale del Dipartimento regionale dei Beni Culturali, e il sindaco di Taormina, Cateno De Luca. Sul palco, a condurre, la giornalista Giulia Pruneti.

“Fuori festival” l’evento di lunedì 17 luglio, al Parco di Naxos con la straordinaria esecuzione delle Quattro Stagioni di Vivaldi da parte dell’Orchestra nazionale barocca dei Conservatori diretta dal M° Boris Begelman . Un progetto del Conservatorio A. Scarlatti di Palermo, diretto dal M° Daniele Ficola, in collaborazione con il MIUR. Il concerto sarà preceduto dal cortometraggio, fuori concorso, “Vasi acustici”, diretto da Claude Delhave (Francia, 8’) che indaga l’Abbazia degli Angeli a Finisterre (Spagna). Una struttura del XVI secolo, di fronte al mare, che racchiude una collezione impressionante di vasi acustici, strumenti ancora poco documentati e che vedono impegnati archeologi, studiosi di acustica, storici e musicologi per comprendere le funzioni tecniche e simboliche di questo ingegnoso dispositivo.

Partner tecnologico e main sponsor del Taormina Naxos Archeofilm è Videobank. Hanno partecipato al progetto Arpa Sicilial’Università di Catania (Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali) con gli studenti tirocinanti e Universi Teatrali (Centro studi dell’Università di Messina) e l’Archeoclub Giardini Naxos, Taormina e Valle Alcantara.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Archeofilm Taormina, il tedesco “Il mistero del cavallo di Troia” vince la prima edizione del Festival del cinema archeologico

MessinaToday è in caricamento