Giovedì, 18 Luglio 2024
Eventi

“Porta aperta sullo stretto”, un tuffo nel mondo dei diritti civili al Riva

Grande successo di pubblico per la kermesse

Successo di pubblico del “Porta aperta sullo stretto” curato e presentato da Cinzia Alibrandi. La kermesse progettata e realizzata dall’architetta Maddalena Palamara e dal suo prezioso team “Royal Party” ha reso ancora più luminoso il magnifico scenario del “Riva” di contrada Paradiso.

A dominare la scena la frase “Io Amo” impressa sulle iconiche porte rosse aperte sullo Stretto e raccontata nei suggestivi 5 “quadri” che hanno sfilato nell’arco delle due ore della ricca kermesse. Una ulteriore chiave di lettura è stata quindi quella esposta con acutezza nell’intervista ad una coppia simbolo dei diritti civili: Sergio Lo Giudice capo del gabinetto del sindaco di Bologna, già senatore, e l’avvocato attivista Michele Giarratano. Essere unici - è stato sottolineato - significa stare su “una porta aperta sullo stretto” e sentirsi parte di un tutto che salvaguardia l’individualità.

Ad accompagnare l’evento è stata la musica del dj Saverio Messina che ha reso ancora più magico il pomeriggio, traghettando gli spettatori in un mondo di “normale specialità” e di “bellezza inconfutabile”.
Vari gli sponsor della manifestazione (il Tasmania club, l’Ottica Monte Papaya, il Raneri kids, l’Arte studio di Mariarita Cuzzola, la boutique “loves Messina” di Floriana Giorgianni, Le suocere) che hanno arricchito le sfilate in passerella come fermato negli scatti di Antonello Lupica.
L’applauso finale è stato quindi rivolto ai componenti del Royal Party: Federica Finocchiaro, Isabella Palamara, Loredana Cordopatri, Cinzia Gozzi ed Emanuela Cento, bravissime promoter di una “porta aperta” su una città unica ed eccezionale, che può andare oltre il solito candore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Porta aperta sullo stretto”, un tuffo nel mondo dei diritti civili al Riva
MessinaToday è in caricamento