Lunedì, 15 Luglio 2024
Eventi

La storia di Omayma commuove Forlì, cortometraggio premiato dal pubblico del Sedicicorto Film Festival

Il lavoro del regista Fabio Schifilliti, presentato a questo evento in anteprima nazionale, racconta la storia della mediatrice culturale tunisina brutalmente uccisa dal marito Faouzi Dridi nel settembre 2015 a Messina

Il cortometraggio “Omayma - Orme del tempo” si è aggiudicato il premio come miglior cortometraggio votato dal pubblico del Sedicicorto Film Festival di Forlì.

Il lavoro del regista Fabio Schifilliti, che è stato presentato a questo evento in anteprima nazionale, racconta la storia di Omayma Benghaloum, la mediatrice culturale tunisina brutalmente uccisa dal marito Faouzi Dridi nel settembre 2015 a Messina.

La pellicola, che è stata girata nella Città dello Stretto, tra il lago di Ganzirri e la zona del porto, e nella suggestiva medina di Mazara del Vallo nel trapanese, è prodotta dall’Associazione Arknoah di Messina. 

Il produttore esecutivo Francesco Torre commenta così il riconoscimento ottenuto: “Questo premio a Forlì ci onora e gratifica per tutto l’impegno profuso in una produzione che ha richiesto un lungo sviluppo e la creazione di un’ampia rete di sostegno. Il film continuerà il suo percorso nei festival nazionali e internazionali e ci attiveremo anche affinché possa essere visto dai ragazzi e nelle scuole, soprattutto nella nostra città”.

Il regista Fabio Schifilliti aggiunge: “Quando ho deciso di iniziare il progetto su questa storia, ho voluto farlo solo per un motivo: dare voce a chi voce non ne ha avuta. Dedico questo premio a Omayma e a tutte le donne che, per paura di agire e di parlare, rischiano perdere la vita, ogni giorno, come quella di Omayma”.

La sceneggiatura è stata realizzata da Paolo Pintacuda e Fabio Schifilliti, mentre la protagonista è interpretata dalla nota attrice tunisina Mariam Al Ferjani. Il cast si compone di Hossein Taheri, attore teatrale, televisivo e cinematografico tunisino che ha girato parecchi film e lavorato anche in Italia per Checco Zalone, nel ruolo di Faouzi; M'Barka Ben Taleb sarà Fatma; Sara Abbes sarà Rania e Giulia Migliardi nella parte della figlia Esra. 

Il cortometraggio è stato prodotto dall’Associazione Arknoah di Messina e realizzato nell’ambito del Programma Sensi Contemporanei Cinema con il sostegno della Regione Siciliana, Ass. Turismo, Sport e Spettacolo, Dipartimento Turismo e della Sicilia Film Commission. Hanno sostenuto la produzione l’Università degli Studi di Messina, Società Editrice Sud – Gazzetta del Sud, Consiglio Nazionale del Notariato, Città Metropolitana di Messina, Lions Club Messina Tyrrhenum, Rotary Club Messina, Soroptimist International d’Italia – Club Messina e Salvatore Totaro, con la collaborazione di Life Solution.

Attori protagonisti:

Mariam Al Ferjani

Hossein Taheri

Giulia Migliardi

Cast tecnico:

Sceneggiatura: Paolo Pintacuda e Fabio Schifilliti

Fotografia: Leone Orfeo

Musiche: Luca Antonini

Montaggio: Andrea Maguolo e Sarah Borgi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La storia di Omayma commuove Forlì, cortometraggio premiato dal pubblico del Sedicicorto Film Festival
MessinaToday è in caricamento