Castel Gonzaga, un plastico ne riproduce la bellezza

L'opera realizzata dell’artista messinese Gianfranco Forestiere è stata presentata stamane a Palazzo Zanca dall’Associazione Gonzaga onlus

La presentazione a Palazzo Zanca

Il plastico dell’artista messinese Gianfranco Forestiere, che riproduce la sfarzosa fortezza “Castel Gonzaga”, è stato presentato stamattina dall’Associazione Gonzaga onlus a Palazzo Zanca. Hanno partecipato all’incontro il vice sindaco e assessore con delega ai Beni Culturali Salvatore Mondello e gli assessori alla Valorizzazione e Promozione del Patrimonio Fortificato di Messina Enzo Caruso e alla Pubblica Istruzione Roberto Vincenzo Trimarchi. All’incontro hanno preso parte per l’Associazione Gonzaga onlus oltre al presidente Traina, Martina La Rocca e Gianluigi Smilare, e l’architetto comunale Massimo La Spada.

La fortezza, posta in una posizione collinare strategica e dominante la cima di Monte Piselli, nel plastico è stata realizzata  su una tavola di legno 90×120 cm ed è costituita per la maggior parte da pannelli di polistirolo, con dettagli in carta pesta, stucco e materiali naturali modellati per dare una nota realistica anche alla vegetazione circostante.
 
“Sin dall’insediamento dell’Amministrazione De Luca – ha detto il vice sindaco Mondello – abbiamo rivolto la nostra attenzione al complesso di beni culturali e architettonici. Nella fattispecie è stata già appaltata la parte diagnostica e la relativa vulnerabilità sismica lavorando alle attività propedeutiche alla progettazione di eventuali opere. Le risorse finanziarie sono più che sufficienti per riqualificare Forte Gonzaga che, insieme al Castellaccio, rappresentano due elementi importanti inseriti nel centro urbano. Siamo sempre ben lieti di accogliere simili iniziative per la loro valenza culturale e propositiva in quanto, ben venga chi produce per la città”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Fino ad oggi di queste fortificazioni cittadine – ha proseguito l’assessore Caruso – non si è mai avuta una visione di insieme non soltanto come attrattore turistico ma per l’importanza che rivestono queste due generazioni di fortificazioni cinquecentesca e ottocentesca. Pertanto visione di insieme significa attenzionare queste strutture al fine di farle diventare veramente luoghi di attrazione. In particolare Castel Gonzaga vanta una sua unicità in quanto ne esiste una simile soltanto in sud America. L’obiettivo è quello di lavorare in sinergia con la cittadinanza, le associazioni e gli enti coinvolti, ma soprattutto è indispensabile ed in tal senso, in sinergia con il vice sindaco e l’assessore Trimarchi, saranno avviati progetti che coinvolgeranno gli istituti scolastici cittadini finalizzati a sensibilizzare gli studenti e far conoscere il patrimonio architettonico e culturale del territorio di appartenenza”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brigata Aosta nello sconforto per la morte del militare, indagini a tutto campo a Capo d'Orlando

  • Tragedia sfiorata in via Jaci, soccorso un uomo che ha tentato il suicidio

  • Coronavirus, salgono ancora i nuovi casi in Sicilia: otto a Messina

  • Omicidio o suicidio a Capo d'Orlando? Muore 48enne messinese con un coltello in corpo: vana la corsa in ospedale

  • Roccalumera piange Angelica, sconfitta dal tumore a soli 18 anni

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento