Giovedì, 18 Luglio 2024
Attualità

Pas de Sicile, viaggio alla scoperta del giallo psicologico legato all'antisemitismo

Tutto sul nuovo romanzo di Domenico Cacopardo

Disponibile in cartaceo e digitale “Pas de Sicile”, il nuovo romanzo di Domenico Cacopardo pubblicato da Ianieri Edizioni per la collana “Le Dalie Nere".

Dopo 18 opere ambientate in Sicilia, Domenico Cacopardo di padre messinese porta la sua narrazione al Nord, nella pianura padana (terra della famiglia materna), luogo di piacevoli soggiorni, di incontri formativi e poi di un impegnativo lavoro, mentre la Sicilia (terra paterna e alma mater) era ed è il mondo della sua fondamentale identità.

Uno scrittore fedele alle radici e grato a queste due generose fonti per ciò che gli hanno dato, sia attraverso l’esempio e l’educazione familiare, che nel contatto con la gente. Due contesti di cui l’autore conosce perfettamente usi, costumi, modi di pensare, ma soprattutto fisionomia umana, elemento che più di ogni altro emerge negli scritti.

Il genere è il giallo, non quello classico della sequenza lineare odio, vendetta, delitto, indagine e sanzione; piuttosto quello che trova spunto narrativo nelle segrete dell’animo umano, nelle storture interne alla psiche dell’individuo, con i suoi drammi inconfessabili, le vicende passate irrisolte, che puntualmente riemergono chiedendo la definitiva soluzione.

Al centro della trama, quindi, non solo brama di potere o controllo sociale, ma il senso tangibile dell’umana miseria, capace dei delitti più deprecabili, in quanto insensata e imprevedibile. E questo vale tanto per il singolo che per la Storia, colpevole di gravi delitti contro l’umanità di cui la Shoah è l’esempio più drammatico.

Accantonato Italo Agrò, il ruolo da protagonista passa al magistrato in pensione Domenico Palardo, alter ego dello stesso autore, che da insigne uomo di legge si trasformerà in scrittore detective animato da un’incrollabile passione per la verità.

Incaricato dal Comune di Candora (evocativo del candore dei suoi abitanti) di coordinare il volume celebrativo per i cento anni della Costituzione del Comune stesso e scrivere il saggio di apertura su Siro Sieroni -  personaggio che ha favorito lo sviluppo economico del paese attraverso le aziende da lui fondate – l’uomo si imbatterà in segreti inconfessabili e vicende irrisolte inerenti la famiglia dell’imprenditore, che diverranno spunto per un’indagine serrata, in cui verrà coinvolta l’intera comunità paesana e un figlio illegittimo di Sieroni.

Indagando su colui che dovrebbe omaggiare, Palardo ne apprende infatti la pochezza e la falsità; ma per smascherarle deve comporre un nuovo puzzle. Un delitto inaspettato, infine, costituirà ulteriore tassello d’indagine da inscrivere nel quadro già intricato degli eventi. Ma l’obiettivo del magistrato è quello della verità a qualsiasi costo, oltre ogni intimidazione o ricatto, per restituire senso alla storia, quella del singolo nel caso di Candora. Rispetto alla Storia dell’umanità la condanna è ideale ma senza appello, necessaria tuttavia per non perdere il senso del passato e di ciò che siamo oggi, nel ricordo delle tante vittime dell’odio e dell’umana insensatezza.

Nello sviluppo della narrazione costante è la dialettica tra privato e pubblico, con un rimando dall’uno all’altro, spesso mediato dal ricordo, ma non per questo meno presente alla mente dell’uomo di legge, che trova nella giusta sanzione il mezzo per ristabilire l’equilibrio nel caos di sentimenti più deprecabili.

Di fondo, serpeggia evidente l’amara ironia per il passato e per il presente che ripropongono entrambi alcuni evidenti vizi nazionali, come l’ipocrisia, l’adulazione dei forti e dei potenti e soprattutto il conformismo.

“Pas de Sicile” è quindi uno scritto a più dimensioni, anche nel genere, perché non indugia in scene macabre e non stimola volutamente il seme del brutto che alberga nell’animo umano; piuttosto indugia nella puntuale caratterizzazione di luoghi e personaggi, di atmosfere, per offrire al lettore elementi di giudizio, oltre che un ancoraggio reale e quotidiano alla sua fantasia, stimolando gli archetipi profondi della coscienza.

Ulteriore valore del romanzo di sicuro teatrabile - risiede nella scrittura colta ma volutamente non erudita, caratterizzata da preciso realismo immerso in una moderata, appena percettibile irrisione, che porta i toni descrittivi verso il genere della commedia, stemperando la drammaticità del crime. Caratteristica in cui è possibile riconoscere le anime dello scrittore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pas de Sicile, viaggio alla scoperta del giallo psicologico legato all'antisemitismo
MessinaToday è in caricamento