Smart working in montagna per scelta, la storia di Loredana: da Messina al Fruili coronando un sogno

Una laurea in chimica industriale, ricopre un ruolo determinante all'interno del segmento r&d della Eurolls. Anche per lei, il recente lockdown ha imposto nuovi modelli di pensiero. Esattamente come Antonio...

Il recente lockdown ha imposto nuovi modelli di pensiero, anche e soprattutto in riferimento al luogo dove abitare. Per due giovani, la migliore possibilità di lavoro nasce proprio fra le montagne del Friuli Venezia Giulia. E non solo per una semplice attività impiegatizia, ma per uno stimolante ed appassionante lavoro di ricerca. Antonio Carabillò è laureato in ingegneria energetica e nucleare, ed attualmente dottorando presso l'Università di Udine in Scienze dell'ingegneria energetica e ambientale. Loredana La Fauci ha una laurea in chimica industriale: entrambi ricoprono un ruolo determinante all'interno del segmento r&d della Eurolls, che ha la sede del suo reparto ricerca e sviluppo, proprio a Villa Santina (Udine), nelle valli della Carnia.

“Per realizzarmi anche professionalmente, ciò che faccio deve essere in linea con i miei valori – spiega Loredana La Fauci -  Credo nell'economia circolare e nei suoi paradigmi. Pertanto, mi muovo in questa direzione. Provengo da Messina e sono alla Eurolls, a Villa Santina, da 7 anni. Come Antonio ho avuto la possibilità di inserirmi gradualmente nel territorio, sfruttando l'opportunità abitativa che la Eurolls mi ha dato".

"Mi trovo bene - assicura - nella comunità locale ed ho cercato di integrarmi, imparando anche un po' di friulano. Ho sempre contemplato la possibilità di andarmene dalla mia terra per fare esperienze diverse lavorative e conoscere nuovi posti. La Carnia ed il Friuli rispecchiano i miei canoni di qualità della vita: la zona è molto tranquilla, si vive bene, non si fanno code, non c'è traffico". La Eurolls "mi ha dato la possibilità di esprimere le mie qualità. Al suo interno c'è una mentalità molto aperta all'innovazione ed al rinnovamento. Non posso che ringraziare l'azienda per aver creduto in me in questi anni, sostenendo sempre le mie aspirazioni di crescita professionale".

Lo stesso accade a Antonio Carabillò. “Qui in Carnia - afferma Carabillò - mi è stata offerto lavoro e la possibiltà di fare ricerca, coltivare le mie passioni e vivere un nuovo amore: quello per la montagna. L'azienda mi ha accolto mettendomi a disposizione un'opportunità professionale e di crescita, ma anche favorendo il mio inserimento nel territorio con la possibilità di usufruire di un alloggio, prima di poter decidere, guardandomi intorno, di sceglierne uno più rispondente alle mie necessità. L'ambiente lavorativo sin da subito mi è apparso stimolante, mi è stata data molta fiducia". "La mia crescita professionale - sottolinea - va di pari passo con ciò che ogni giorno faccio all'interno della Eurolls che è una azienda aperta mentalmente e lungimirante. Ha nel suo dna l'interesse per la ricerca ed è fortemente proiettata verso il futuro. Continuo a tenere vivo il legame con la mia terra, vado quando posso, ma sono contento di vivere in Friuli, dove oltre ad una scelta di lavoro, coniugo la volontà di vivere in un luogo piacevole, sano ed a contatto con la natura. Ho passato un periodo in cui vivevo e lavoravo a Milano preferisco VillaSantina".

Fonte: adnkronos

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I Pooh e il concerto non previsto in cartellone, Torre Faro "svegliata" a notte fonda per l'evento musicale dell'anno

  • L'indagine sulla Banca di Credito Peloritana, raffica di perquisizioni nelle aziende

  • Dall'aggressione fisica all'auto bruciata: la storia di Alessandro Gonciaruk, vittima di intimidazione a Zafferia

  • "Scambio" di morti in obitorio, famiglia seppellisce la salma sbagliata

  • Stop al coprifuoco per i negozi e riapertura delle scuole, passa in consiglio la mozione contro l'ordinanza di De Luca

  • Su Viviana e Gioele indagini per altri due mesi, Daniele Mondello: "Orribile non poter ancora dar loro sepoltura"

Torna su
MessinaToday è in caricamento