Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Inquinamento idrico in Centro, gasolio nella Rete: nuova ordinanza del sindaco

Il primo cittadino ha emesso altri provvedimenti dopo l'accertamento delle analisi dei tecnici Amam rivolti a proprietari e amministratori di condominio. Si stanno cercando cisterne per l'accumulo di combustibile

Sta diventando più serio del previsto l'inquinamento idrico nella zona del Centro. Il sindaco Basile ha emesso una nuova ordinanza che integra la prima di martedì scorso dopo l'aggiornamento da parte di Amam SpA sull’attività dei tecnici aziendali per l’individuazione e la risoluzione del problema che ha determinato la sospensione dell’uso potabile dell’acqua limitatamente alle utenze ubicate nell’area compresa, tra le vie Tommaso Cannizzaro, Ghibellina, Santa Cecilia, Primo Noviziato, viale Italia e la scalinata Santa Barbara. 

"Fermo restando il perdurare del divieto dell’uso potabile dell’acqua limitatamente alle utenze ubicate nell’area compresa, tra le vie Tommaso Cannizzaro, Ghibellina, S. Cecilia, Primo Noviziato, viale Italia e la scalinata Santa Barbara, sino a nuova comunicazione, la nuova ordinanza si è resa necessaria in quanto dalle risultanze analitiche condotte da Amam SpA attraverso un laboratorio accreditato è emerso che la componente inquinante dell’acqua immessa in rete è costituita da gasolio.

Pertanto, la nuova ordinanza sindacale dispone al fine di evitare potenziali pericoli, in via precauzionale, a tutti i proprietari e amministratori di condominio degli stabili ricadenti nell’area compresa tra via Porta Imperiale, Tommaso Cannizzaro, via Faranda, viale Italia e scalinata Santa Barbara: di verificare la tenuta dei serbatoi ed eventualmente comunicare diminuzioni di livelli anomali degli stessi, alla mail urp@amam.it o alla pec amamspa@pec.it; detta disposizione riguarda anche i distributori di carburante Esso di Bossa sita in piazza Masuccio e Eni di Maurizio Interdonato sita in via Tommaso Cannizzaro 211;di verificare altresì, se all’interno delle aree di pertinenza degli immobili, ricadenti nella sopradetta area, siano presenti cisterne di accumulo di combustibile, anche dismesse, a servizio degli impianti di riscaldamento o se, di recente le predette cisterne siano state oggetto di lavori di sostituzione, manutenzione o dismissione. Inoltre il provvedimento stabilisce di impegnare e autorizzare gli agenti della Polizia Municipale a effettuare ispezioni e controlli all’interno degli immobili ricadenti nell’area sopra indicata per verificare la presenza di serbatoi di accumulo di combustibile e per segnalare e sanzionare eventuali anomalie riscontrate sulle modalità di stoccaggio; e impegnare la Società AMAM SpA a continuare il monitoraggio - conclude il primo cittadino - dello stato d’inquinamento dell’acqua distribuita nella zona oggetto di anomalie, facendo obbligo alla stessa società di comunicare tempestivamente al Comune la cessazione delle condizioni di rischio".

Acqua contaminata, "Non usatela"

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inquinamento idrico in Centro, gasolio nella Rete: nuova ordinanza del sindaco
MessinaToday è in caricamento