rotate-mobile
Cronaca

In Sicilia oltre 23 mila casi di tumore all'anno: "Fondamentale sensibilizzare i giovani sulla prevenzione"

E' quanto è emerso in un incontro a Palermo tra oncologi, epidemiologi, vertici dell’assessorato della Salute, Istituzioni scolastiche e medici. Almeno la metà potrebbe essere evitata proprio intervenendo correttamente sugli stili di vita

Oncologi, epidemiologi, vertici dell’assessorato della Salute della Regione, istituzioni scolastiche, medici di medicina generale, uniti nel parlare al mondo giovanile, rappresentato da numerosissimi studenti di diversi istituti scolastici, sul tema della prevenzione in oncologia, un argomento di grande rilevanza visto l’incremento, a livello globale, della malattia tumorale e la mancata consapevolezza, in molti, che il tumore è una malattia prevenibile, se si seguono corretti stili di vita.

Dall’ultimo rapporto (2022) sui numeri del cancro in Italia, nella parte che riguarda i fattori di rischio comportamentali, che possono indurre l’insorgenza di un tumore, è emerso che non ci sono stati grandi miglioramenti negli ultimi 15 anni, a eccezione dell’abitudine al fumo di sigaretta in lenta riduzione tra gli uomini (ma non tra le donne), mentre si registra un aumento del consumo di alcol a rischio tra i giovani, la sedentarietà, l’eccesso del peso corporeo e la mancata conoscenza o l’indifferenza al danno che può provocare una prolungata esposizione ai raggi solari. In Sicilia per esempio ogni anno si registrano in media 23.400 nuovi casi di tumore (escluso quelli della pelle non melanoma) di cui almeno la metà potrebbe essere evitata proprio intervenendo correttamente sugli stili di vita. Inoltre, si ravvisa la necessità di stimolare le vaccinazioni contro le infezioni note per causare il cancro, come quella contro il papilloma virus umano (Hpv).

L’assessore regionale della Salute, Giovanna Volo, dopo aver ringraziato i numerosi studenti presenti e dialogato con loro, si è riferita al razionale dell’incontro, definendolo il cuore della necessaria formazione e informazione per il mantenimento dello stato di salute, ed ha espresso il proprio compiacimento per l’importante riconoscimento che il ministero della Salute ha dato alla Regione Siciliana per le azioni messe in atto in merito al piano di prevenzione 2023-2025. “Ciò significa – ha detto la Volo – che quello che stiamo portando avanti, pur nelle difficoltà dei difficili anni della pandemia da Covid, rappresenta un’attività di rilievo e da igienista non smetterò mai di dire che la prevenzione è il modo migliore, se non l’unico, di garantire la nostra salute”.

“Questo incontro sulla prevenzione in oncologia riveste un’elevata importanza perché affronta uno dei temi più impegnativi e difficili che oggi si offrono a chi governa la salute pubblica”, ha affermato il dottor Salvatore Requirez, dirigente generale del Dipartimento per le Attività Sanitarie e Osservatorio Epidemiologico dell’assessorato della Salute della Regione Siciliana. E ha continuato: “La prevenzione rappresenta la manovra economica sanitaria più redditizia che si possa offrire a chi governa la salute nel mondo”. Per il professore Giuseppe Pierro, direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Sicilia, è fondamentale che studentesse e studenti sviluppino le conoscenze e le abitudini necessarie per andare incontro all’età adulta in salute. “I percorsi di formazione e informazione della scuola – ha puntualizzato Pierro – sono focalizzati alla prevenzione di disturbi e patologie che potrebbero svilupparsi in seguito a un’alimentazione scorretta, eccessiva o, al contrario, insufficiente per quantità o qualità, ma anche all’abitudine al fumo e all’abuso di alcol. Abitudini diffuse tra i giovani e che minano in profondità la loro salute”.

prevenzione in oncologia. fondamentale sensibilizzare i giovani-2
prevenzione in oncologia. fondamentale sensibilizzare i giovani-2

Il Magnifico Rettore dell’Università di Palermo, professore Massimo Midiri, si è rivolto agli studenti – come ha affermato – non da rettore, ma da padre. Consigliando loro ad avere più consapevolezza nell’ambito della salute. A chi gli ha chiesto se consigliava la carriera di medico, Midiri ha risposto che Medicina significa passione, cioè dedicare tutta la vita alla cura delle persone sottoponendosi a un costante processo di aggiornamento. Un mestiere che coinvolge in ogni istante e che non può essere fatto senza sentire dentro la missione di prodigarsi per gli altri. Gli Osservatori di area dell’Ufficio scolastico regionale hanno rilevato, in quest’ultimo biennio, un incremento del disagio psico-emotivo nella fascia adolescenziale, disagio che si manifesta con forme di ritiro sociale e gravi difficoltà relazionali, forse connessi alla fase post pandemica. Per il dott. Roberto Bordonaro, direttore dell’Oncologia medica dell’Arnas Garibaldi di Catania, ridurre il carico di tumori nella popolazione non si traduce solo in vite salvate, ma anche nella preservazione della qualità di vita, della capacità produttiva, del contenimento dei costi che gravano sul Sistema Sanitario.

"Questi sono i motivi – ha concluso Bordonaro – per i quali dedicare alla prevenzione momenti di dibattito, di confronto e di divulgazione è già di per sé, un intervento a tutela della salute pubblica”. Per il professore Adelfio Elio Cardinale, presidente della Società di Storia della Medicina, per una futura storia dell’oncologia, è necessario un nuovo rapporto con tutti i sistemi del pianeta: animale, vegetale, ambientale. Sulla stessa linea Stefano Vitello, direttore dell’Oncologia medica del Sant’Elia di Caltanissetta. “In quest’opera di ‘educazione ecologica’ – ha affermato – i giovani possono essere fedeli alleati, promulgatori di corresponsabilità e convincenti cantori della bellezza della vita. La prevenzione primaria – ha aggiunto Vitello – è lo strumento che può ambire a successi preziosi nella lotta ai tumori. Adottando corretti stili di vita, una regolare attività fisica, un’equilibrata dieta, è possibile ridurre di circa il 50% l’insorgenza dei tumori”. Il ruolo del medico di famiglia nella prevenzione? “Il Medico di Medicina Generale – ha sostenuto il dottore Francesco Magliozzo, presidente e vicesegretario Fimmg, sezioni di Palermo – rappresenta il punto di riferimento del cittadino. In virtù del rapporto di fiducia che ha con gli assistiti, gli dà la possibilità di fornire informazioni, chiarimenti, consigli non solo sul mantenimento del proprio stato di salute, ma anche sui programmi di prevenzione e di screening”.

E la scuola? “Per la professoressa Daniela Crimi, preside del liceo linguistico Ninni Cassarà, di Palermo, la scuola deve indicare ai ragazzi quali sono gli scorretti stili di vita e indirizzarli a una vita sana, allo sport, all’astensione dal fumo, a una corretta alimentazione. “Dobbiamo coinvolgere di più altre istituzioni, per esempio, chi decide delle mense scolastiche, tenendo sempre presente che i giovanissimi imparano non da ciò che diciamo, ma da ciò che facciamo”.

Dati sui tumori in Sicilia 

Ogni anno, si registrano in media 23.400 nuovi casi di tumore (escluso quelli della pelle non melanoma) di cui almeno la metà potrebbe essere evitata proprio intervenendo correttamente sugli stili di vita. Nell’Isola, si stima che vivano oltre 200.000 persone con diagnosi di tumore, il 4% dell’intera popolazione siciliana, un numero quasi pari agli abitanti di Caltanissetta, Trapani e Agrigento messi insieme, non contando i tumori della pelle non melanoma, con una mortalità che si aggira sulle 13.000 persone ogni anno, il 57% uomini, il 43% donne.

Tra gli uomini è il tumore del polmone a rappresentare la prima causa di decesso, con oltre un quarto del totale dei decessi (26%), seguito da quello del colon retto (12%), della prostata (10%), del fegato (7%) e della vescica (6%). Tra le donne, al primo posto per mortalità c’è il tumore della mammella, con quasi un quinto del totale dei decessi oncologici nella popolazione femminile (18%), seguito dal colon retto (13%), dal polmone (11%), del fegato (7%) e del pancreas (8%). Numeri che danno la misura di come la prevenzione sia, nel comune sentire, una “pratica” che tutti conoscono, ma che non tutti applicano correttamente.

Rispetto alla media nazionale, tra gli uomini si conta una minore incidenza del tumore alla prostata (17% contro il 19% della media italiana), mentre si registra un maggior numero di casi, anche se contenuto (16% contro 15%) di cancro polmonare (principale causa il fumo di sigaretta, anche passivo) e della vescica (14% contro la media nazionale del 12%), mentre per la popolazione femminile si ha una maggiore incidenza rispetto alla media nazionale del carcinoma alla mammella (31% contro 30%) e del colon-retto (14% verso il 12%).

Fonte: PalermoToday

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In Sicilia oltre 23 mila casi di tumore all'anno: "Fondamentale sensibilizzare i giovani sulla prevenzione"

MessinaToday è in caricamento