rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca

Pd all'attacco sulla crisi idrica: "Fontane danzanti ma rubinetti a secco", Amam: "Colpa della scarsa piovosità"

Fine anno di disagi per tanti messinesi. La Partecipata esce allo scoperto dopo giorni di silenzio: "E' venuto a mancare un apporto idrico che ha minimizzato le portate dalle sorgive e dai pozzi cittadini"

Ancora disagi sul fronte idrico. Proprio durante le festività i serbatoi restano vuoti in molte zone e non si contano le proteste per la mancata comunicazione da parte di Amam. Che solo oggi pomeriggio - con una nota - ha giustificato il problema riconducendolo alla "scarsa piovosità registrata negli ultimi sei mesi".

E' venuto a mancare dunque un apporto idrico "che ha minimizzato le portate dalle sorgive e dai pozzi cittadini". Questa la causa principale della diminuzione di afflusso d'acqua in rete che si sta registrando in alcune zone della città. "I maggiori consumi, peraltro, legati anche al periodo di festività in corso, hanno reso più urgente l'esigenza di intervento di Amam anche con l’ausilio delle autobotti", si legge nella nota della Partecipata.

L'Azienda meridionale Acque Messina rammenta i contatti a cui tutti i cittadini potranno segnalare le situazioni di necessità o urgenza cui provvedere: numero dedicato 090.3687722 o pagina social all’indirizzo https://www.facebook.com/amamspa.

Sulla vicenda è intervenuto anche il coordinamento provinciale del Pd. "Inconcepibile nel 2023 per una città metropolitana, ma, purtroppo nulla di nuovo per la nostra città, a causa anche di un’Amministrazione che sul noto problema ha dimostrato gravi carenze e limiti organizzativi, operativi e soprattutto di programmazione - si legge nel comunicato stampa - Ad esempio, si è del tutto trascurata l’ordinaria manutenzione della rete idrica cittadina, che presenta notorie perdite e che in circostanze di poca pressione aggravano inevitabilmente il problema nè si è provveduto, sin dall’amministrazione De Luca, alla ricerca di nuove sorgenti idriche nel territorio cittadino (una delle tante promesse non mantenute contenute nel programma elettorale) grazie alle quali si può ridurre la dipendenza da quella di Fiumefreddo. I recenti disservizi nulla hanno a che fare con la programmata sospensione idrica di dicembre, che è stata spostata a gennaio; abbiamo rischiato, pertanto, ma non è certo una consolazione, di avere più sospensioni d’acqua, per motivazioni diverse, e per diversi giorni nello stesso mese…".

Ancora più duro il commento sulla mancata informazione alla cittadinanza che, "ignara di tutto, non ha provveduto a dotarsi di riserve o a razionare l’utilizzo dell’acqua. Il risultato è che, oggi, alla vigilia di capodanno, molte famiglie ed esercenti si trovano, o rischiano di trovarsi, con i serbatoi vuoti".

"Ma questo è un problema - continua il Pd - che sembra non riguardare la Presidente di Amam e soprattutto l’amministrazione comunale, con in testa il Sindaco Basile, impegnato evidentemente ad inaugurare alberi di natale, fontane danzanti dal costo di 223 mila euro e concerti costosissimi: del resto, è noto che una città illuminata è molto più attrattiva e funzionale che con l’acqua che scorre senza problemi… Il Sindaco aveva il dovere di avvisare la popolazione, invitandoli a razionare l’acqua e ad attivare tutte le procedure d’urgenza per ridurre al minimo i disservizi. Ma si è trattato di distrazione oppure si è deciso di “ignorare” il problema per non rovinare la magia del natale, sperando che i disservizi si risolvessero in poco tempo? C’è un problema di trasparenza e chiarezza, oppure una colpevole ignoranza?".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd all'attacco sulla crisi idrica: "Fontane danzanti ma rubinetti a secco", Amam: "Colpa della scarsa piovosità"

MessinaToday è in caricamento