Cronaca

Frode Iva, maxi sequestro ad una società messinese: sotto chiave un milione e 300 mila euro

La società controllata, priva di reale struttura, si occupava della commercializzazione di apparecchiature elettroniche, prevalentemente televisori, che acquistava da aziende comunitarie e rivendeva sul territorio nazionale

I funzionari dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli, Direzione Territoriale VII Sicilia - Gora gruppo frodi IVA, hanno eseguito, su delega della Procura di Messina, un decreto di sequestro per frode Iva intracomunitaria per un ammontare pari a oltre 1.300.000 euro. Le indagini sono scaturite a seguito di un controllo amministrativo di ADM sulle transazioni intracomunitarie di una società con sede legale a Messina, che ha omesso qualsiasi adempimento fiscale. Tale società, volendo ostacolare i controlli ha anche trasferito la propria sede legale in un'altra regione.

La società controllata, priva di reale struttura, si occupava della commercializzazione di apparecchiature elettroniche, prevalentemente televisori, che acquistava da aziende comunitarie e rivendeva sul territorio nazionale. Proprio in tale secondo passaggio veniva omesso il versamento all'erario dell'imposta a debito ricevuta dai clienti, innescando il meccanismo di frode, e non veniva presentata la dichiarazione Iva.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Frode Iva, maxi sequestro ad una società messinese: sotto chiave un milione e 300 mila euro
MessinaToday è in caricamento