rotate-mobile

VIDEO | Garante dell'infanzia, l'aula elegge il sacerdote ortodosso Giovanni Amante: "Nessun obiettivo politico"

La maggioranza dell'aula ha scelto il 48enne impegnato nel sociale che è stato anche attivo nell'accoglienza dei primi profughi provenienti dall'Ucraina. "Mi metto a servizio della comunità ma senza finalità politiche", ha detto

Con 17 voti su 30 è Giovanni Amante il nuovo Garante dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza. Il sacerdote ortodosso attivo in città nella Chiesa Ortodossa San Giacomo Apostolo il Maggiore di via Santa Eustochia è stato eletto dal consiglio comunale a cui erano arrivate le candidature della docente di Pedagogia speciale dell'Università degli studi di Messina Anna Murdaca, a cui sono andati 12 voti, e di Carmelo Cupitò, a cui non è andato nessun voto. A ritirarsi nel corso delle audizioni da parte della commissione Pietro Chillè e Carmelo Genovese. Trenta, in totale, i consiglieri presenti oggi in aula.  

"Grazie per la fiducia che l’aula ha ritenuto di affidarmi, avverto un grande responsabilità - ha dichiarato Amante subito dopo l'elezione - Voglio ringraziare i compagni di viaggio con i quali abbiamo condiviso queste audizioni, Anna Murdaca e Carmelo Cupitò. Possiamo essere complementari con loro per il dialogo con la città".  Fra le priorità del nuovo garante l'incontro con i minori non accompagnati e poi l'istituzione di appositi canali social per raggiungere ragazzi e famiglie. "Io sono espressione di quest'aula e con questa avrò massimo dialogo - ha detto ancora Amante - Non è un titolo da aggiungere questo perché la mia vita era piena, ma ritenevo di dare questa disponibilità e non sarà nemmeno un trampolino politico ma voglio solo mettere a disposizione me stesso per fare quello che è necessario per la responsabilità che il ruolo di garante ha". 

Video popolari

MessinaToday è in caricamento