Da Patti al Bambin Gesù di Roma con un volo dell'aeronautica, neonato prematuro verso la salvezza

Il direttore generale dell'Asp Paolo La Paglia tesse le lodi per la collaborazione fra le strutture compreso l'ospedale di Taormina e 118. “La Tin di Patti, in collaborazione con Ostetricia e Ginecologia, si conferma centro di eccellenza per le gravidanze a rischio di tutto l’ambito territoriale”

Un piccolo nato prematuro con patologie cardio-respiratorie trasferito al Bambin Gesù di Roma con un volo dell'Aeronautica militare. Lo segnala il direttore generale dell'Asp, Paolo la Paglia, soddisfatto per la “straordinaria collaborazione tra le unità operative di Terapia Intensiva Neonatale del presidio ospedaliero di Patti e del Centro Cardiologico Pediatrico Mediterraneo di Taormina insieme  alla disponibilità dell’Aeronautica Militare e del 118, che ha consentito il trasferimento extraregionale di un piccolo nato pretermine ed affetto da grave patologia cardio-respiratoria”.

Il bimbo da tre mesi era ricoverato e si è atteso aspettando il trasferimento, compatibilmente con le condizioni cliniche, per un approccio chirurgico multidisciplinare necessario per la sopravvivenza.

“A tutela della salute del bambino è stato fondamentale nel corso della degenza il lavoro di “equipe” svolto dal personale medico ed infermieristico della Unità di Terapia Intensiva Neonatale e del Ccpm. La collaborazione tra i due centri appare ormai consolidata e solo negli ultimi due mesi il personale  ha effettuato con successo, presso la Tin di Patti, due chiusure chirurgiche del dotto di Botallo in prematuri estremi con peso inferiore ai 700 gr. Inoltre dal 2013, grazie all’attivazione dei servizi di trasporto neonatale di Patti e Palermo coordinati dal personale del 118, i neonati affetti da cardiopatia che provengono dalla Sicilia Occidentale, vengono trasportati in sicurezza presso la cardiochirurgia dell'ospedale di Taormina. La TIN di Patti, in collaborazione con Ostetricia e Ginecologia, si conferma centro di eccellenza per le gravidanze a rischio di tutto l’ambito territoriale e riferimento  per i punti nascita dell’azienda. Le competenze professionali maturate congiuntamente all’utilizzo di tecnologie all’avanguardia rappresentano una garanzia  nel percorso di salute che coinvolge la coppia  madre-neonato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donne contro le donne, esplode il caso delle vignette "scandalose" di Lelio Bonaccorso

  • Covid, è morto il sindacalista Santino Paladino

  • Stroncato da un malore mentre consegna la frutta a un cliente, muore il titolare di una azienda

  • Coronavirus, due i casi a Messina con la sindrome di Kawasaki

  • Il supercriminologo: “Su Viviana e Gioele riparto da zero ma i dettagli parlano chiaro”

  • Messa della vigilia di Natale alle 20, cenoni e tombolate con parenti "ristretti": prime anticipazioni sul Dpcm delle feste

Torna su
MessinaToday è in caricamento