Giovedì, 28 Ottobre 2021

Operazione Predominio, notte di perquisizioni e arresti per i clan riorganizzati dagli ex pentiti | VIDEO

Notte intensa di perquisizioni e arresti per la squadra mobile di Messina. I provvedimenti per i clan mafiosi che si erano riorganizzati sotto l'egida di ex pentiti. Decine di operatori della polizia sono stati impegnati in un’ampia azione antimafia che ha portato all’arresto di 14 persone.

L’operazione “Predominio”, è l’epilogo delle più recenti indagini condotte dalla Mobile e coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia, su una pericolosissima compagine delinquenziale mafiosa dedita all’estorsione ed al traffico di sostanze stupefacenti e per lo più operante nel quartiere popolare cittadino di “Giostra”.

Le indagini hanno confermato l’ipotesi di una riorganizzazione di alcuni ex collaboratori di giustizia, i quali, non solo hanno ripristinato i contatti con la criminalità organizzata di provenienza, ma si muovevano in un’ottica di nuovo controllo del territorio in contrasto con i gruppi tradizionali.

Operazione Piramide: nomi e volti degli arrestati

Tra tali soggetti, particolare rilievo riveste la figura di Nicola Galletta, che oltre ad avere formato un proprio gruppo di riferimento insieme all’ex collaboratore Gaetano Barbera, nel quale rivestono un ruolo di primo piano anche gli ex pentiti Pasquale Pietropaolo e Salvatore Bonaffini,  ha costituito, un fiorente sodalizio dedito al traffico di sostanze stupefacenti che finanziava un progetto criminoso complessivo.

Le indagini, avviate nel luglio 2018 e protrattesi sino al marzo del 2019, hanno dato un quadro generale particolarmente allarmante in quanto alcuni ex collaboratori di giustizia, tornati a dimorare in città, avevano ripristinato i legami con la criminalità organizzata di provenienza e si riorganizzavano per  riaffermare una posizione di egemonia nel panorama criminale e ponendosi talvolta in contrasto con i gruppi tradizionali già operanti.

L’indagine è scaturita da tre gravi episodi avvenuti in città ai danni dei componenti del nucleo familiare degli  Arrigo: il primo il 29 aprile 2016 e gli altri due il 25 gennaio 2017 da cui è emersa la fitta rete di rapporti tra Galletta, Pietropaolo e Bonaffini che tornati in città si erano riorganizzati. Ruolo di preminenza era quello di Galletta, che dirigeva e organizzava insieme a  Gaetano Barbera, una cellula criminale mafiosa cui aderivano anche Vincenzo Barbera, Pasquale Pietropaolo e Cosimo Maceli.

Sullo stesso argomento

Video popolari

Operazione Predominio, notte di perquisizioni e arresti per i clan riorganizzati dagli ex pentiti | VIDEO

MessinaToday è in caricamento