rotate-mobile
Cronaca Patti

Per trovare decoro e pulizia non serve andare in Svizzera, vi racconto come si vive a Patti

La piccola città della zona tirrenica dove i cittadini non hanno bisogno di “cordoli” né di altri deterrenti ma si autoregolano applicando le norme del vivere civile, in centro come in periferia

Nessuna auto in doppia fila, nessun motorino sul marciapiede, veicoli parcheggiati negli stalli a pagamento e non. E ancora controlli serrati da parte della polizia Municipale nelle traverse principali in diverse fasce della giornata e precedenza ai pedoni che attraversano rigorosamente sulle strisce. Non serve andare in Svizzera per vivere in una atmosfera in cui i comportamenti virtuosi da parte dei cittadini, che rispettano le regole senza la necessità di cordoli e altri deterrenti, sono all'ordine del giorno. 

Stiamo parlando, infatti, di Patti dove l'ordine e la pulizia accomunano la maggior parte dei residenti. E da messinese in trasferta non è poi così difficile mettersi in discussione chiedendosi, a ogni condotta, se la si sta svolgendo nel modo corretto o no, pena la ricezione pressocché immediata di occhiatacce dei residenti che "si conoscono tutti" e identificano il "forestiero" proprio a partire dall'esecuzione più o meno corretta dei basilari comportamenti civici.

Fra le traverse, principali e non, non è difficile, trovare posaceneri pubblici, realizzati con le tipiche ceramiche del posto, puliti e rispettati dai residenti che non hanno nessun interesse a deturbarne il pregio. Ordine e pulizia che, dalle piccole cose, inglobano anche le grandi. Le piazze, arricchite e abbellite da mosaici e pregi artistici, infatti, non sono sporcate da cartacce abbandonate per la strada. 

Ma non è solo la cittadina tirrenica ad offrire il buon esempio. Decoro e pulizia, ad esempio, sono di casa ad esempio nei comuni di Santa Teresa, Roccalumera e Furci Siculo, tanto per citarne alcuni. Perché nel comune della zona tirrenica, a densità abitativa certamente inferiore rispetto alla città dello Stretto, dove certamente non mancano i limiti, come, per esempio, l'assenza di una sala cinematografica o di un teatro, il rispetto delle regole rappresenta innanzitutto motivo di orgoglio di una comunità che si riconosce in quanto tale proprio a partire da semplici gesti di rispetto civico che identifica immediatamente come sbagliato il comportamento errato, e non additano, invece, i giusti, come "gli scemi", pochi, che rispettano le regole. 

Ordine e decoro non sono prerogativa soltanto della zona centrale del paese. Anche in periferia, infatti, è facile vedere che le auto non sfrecciano a tutta velocità, i ragazzi si muovono in bici, i mezzi pubblici riescono a raggiungere tutti gli istituti di ogni ordine e grado, ogni esercente si preoccupa di tenere puliti gli spazi pubblici, le piazzette di incontro, per giovani e anziani, vengono mantenuti, dagli stessi, con amore e rispetto verso il proprio comune. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per trovare decoro e pulizia non serve andare in Svizzera, vi racconto come si vive a Patti

MessinaToday è in caricamento