rotate-mobile
Cronaca Bisconte

In casa popolare senza aver mai pagato, dopo 15 anni di morosità scatta il recupero coatto

Arismè impegnata a scoperchiare il pentolone degli abusivi. Il primo provvedimento a Bisconte. Intanto si cerca una soluzione per l'anziana a cui hanno occupato la casa mentre era ricoverata

Aveva diritto ad avere l’alloggio, gli è stato assegnato ma non ha mai firmato il contratto nonostante le ripetute convocazioni e richieste.

Oggi, dopo quindici anni di morosità, scatta la decadenza dall’assegnazione.

Arismè, l’Agenzia per il Risanamento guidata da Vincenzo La Cava è ormai da tempo impegnata a scoperchiare il pentolone degli abusivi. La zona maggiormente interessata al fenomeno è quella di Bisconte.

Il 16 gennaio verrà data esecuzione al recupero coatto dell’alloggio di proprietà del Comune di Messina. Chiesta la presenza delle forze di polizia per garantire l’intervento ma anche di un assistente sociale affinché fornisca eventuale disponibilità di soccorso abitativo.

Secondo una prima stima sono dieci le famiglie che abitano illegalmente gli alloggi popolari di Bisconte.

I controlli con la municipale sono scattati anche in seguito al caso dell’anziana a cui hanno occupato l’alloggio mentre era ricoverata. Un caso fino alla ribalta nazionale anche con un post su facebook del vicepremier Matteo Salvini.

La donna uscirà dall’ospedale il 13 gennaio dopo una lunga degenza e non potrà fare rientro nella sua abitazione occupata dal 2021. Oggi doveva la mediazione ma la signora che ha occupato l'alloggio è irreperibile. Pertanto Arismè ha provveduto comunque a depositare il ricorso d'urgenza volto a rilascio dell'alloggio. Nelle more che venga definito il giudizio, la donna sarà ospitata in un b&b.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In casa popolare senza aver mai pagato, dopo 15 anni di morosità scatta il recupero coatto

MessinaToday è in caricamento