rotate-mobile
Cronaca

Sanità, Cgil lancia l'allarme: "Oltre sette milioni di tagli per il Policlinico"

Il sindacato critico verso la rimodulazione dei Fondi Pnrr. Messina e provincia penalizzate insieme agli altri Comuni dell'Isola. "La Sicilia perderà 140 milioni. Schifani tace mentre Fitto fa tabula rasa dei progetti”

Cgil in allarme per la rimodulazione dei fondi Pnrr nel settore sanità. 

Come denunciato dal sindacato dopo aver esaminato il decreto del ministro per la Coesione Raffaele Fitto, la Sicilia perderà 140 milioni di euro dai tagli nazionali previsti. 

Saltano oltre otto milioni per l’ospedale Giovanni Paolo II di Sciacca, quasi nove milioni per il San Giovanni di Dio di Agrigento, 16,5 milioni in meno per l’ospedale Chiello di Piazza Armerina, oltre sette milioni di tagli per il Policlinico di Messina, 15 milioni in meno per l’Umberto I di Siracusa, sforbiciata da sette milioni e mezzo per il S.Antonio Abate di Trapani. Ma soprattutto oltre 22 milioni di euro in meno per il solo ospedale Umberto I di Enna, che subisce tre tagli da tre misure differenti.

Ma va male anche per gli altri centri sanitari della provincia. A rischio per il San Vincenzo di Taormina 9 milioni, 6 per l'ospedale di Patti "Barone Romeo",  4 per il "Fogliani di Milazzo e quasi 5 milioni per il "Cutroni Zodda" di Barcellona Pozzo di Gotto.

1-182-17

Il sindacato lancia l’allarme anche sugli interventi mantenuti nella misura “Verso un ospedale sicuro e sostenibile”, che ammontano a poco meno di 62 milioni di euro con un’incognita: tra il 2021 e il 2024 il governo ha stimato un aumento dei costi del 30 per cento. Dunque le risorse inizialmente stanziate non saranno sufficienti a garantire tutti gli interventi.  “Chi sceglierà quali mantenere e quali tagliare? - si chiede la segretaria regionale dello Spi Cgil Maria Concetta Balistreri - Con quali risorse saranno realizzati gli interventi definanziati? Il governo nazionale ha sempre sostenuto che le risorse alternative ci sono e che tutti gli interventi saranno realizzati. Del resto anche il presidente Schifani e l’assessora Volo hanno sempre rassicurato tutti garantendo che le risorse ci sono. La questione è che a leggere le carte della Giunta regionale scopriamo che i soldi non ci sono e che stanno prendendo in giro i siciliani. “Non ci aspettavamo che fosse l’assessora Volo ad intervenire, ma riteniamo indispensabile che il presidente Schifani si unisca al presidente della regione Lazio, della Calabria e della Lombardia (per citare quelli della stessa parte politica) per denunciare con forza quest’ultimo, in ordine di tempo, furto ai danni della salute dei cittadini siciliani”.

“Ancora una volta - conclude Balistreri - a pagare saranno i cittadini siciliani, che vedranno penalizzato per l’ennesima occasione il loro diritto alla salute e alle cure”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Cgil lancia l'allarme: "Oltre sette milioni di tagli per il Policlinico"

MessinaToday è in caricamento