Giovedì, 18 Luglio 2024
Cronaca

Col reddito di cittadinanza e 600mila euro in contanti in un borsone, fermato agli imbarcaderi

Proveniente da Palermo e diretto a Villa San Giovanni un calabrese denunciato per i reati di riciclaggio e ricettazione. L'ingente quantitativo di denaro scoperto dai finanzieri grazie all’incredibile fiuto di Haidy, un “cash dog” appositamente addestrato per annusare la valuta

Seicentomila euro in contante di sospetta provenienza. E' la somma sequestrata dai militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina, a un cittadino di origini calabresi fermato agli imbarcaderi.

Più in particolare, durante i routinari controlli dei mezzi e delle persone in transito sullo stretto, i militari del Gruppo di Messina hanno fermato agli imbarcaderi privati un automezzo, proveniente da Palermo e diretto a Villa San Giovanni.

Insospettiti dall’atteggiamento insolitamente agitato del conducente, le Fiamme Gialle hanno deciso di approfondire il controllo con l’ausilio dell’unità cinofila.

Di qui l’inaspettata scoperta: grazie all’incredibile fiuto di Haidy, un “cash dog” appositamente addestrato per annusare la valuta, i Finanzieri hanno scoperto un ingente quantitativo di denaro contante, occultato all’interno di un borsone riposto nel vano bagagli dell’auto.                  

Le numerose mazzette di denaro contante, in tagli da 200, 100, 50, 20, 10 e persino 5 euro, erano state avvolte con pellicola trasparente e nastro adesivo da imballaggio, per un totale di circa 600.000,00 euro.

In base ai primi accertamenti, il conducente è risultato il componente di un nucleo familiare beneficiario del Reddito di Cittadinanza, inoccupato e privo di qualsiasi fonte di sostentamento.  Quindi, non avendo giustificato in modo esaustivo il possesso di una somma di denaro così ingente, le banconote sono state sequestrate ed il soggetto deferito a piede libero alla Procura della Repubblica di Messina, per i reati di riciclaggio e ricettazione, ferma restando la presunzione di innocenza fino a compiuto accertamento delle responsabilità.

Il fenomeno dei cosiddetti cash-courier resta estremamente diffuso in tutto il territorio nazionale e l’attenzione della Guardia di Finanza, anche con la preziosa collaborazione delle unità cinofile addestrate al rinvenimento della valuta, si sta concentrando nel disarticolare le organizzazioni criminali dedite, tra l’altro, al reimpiego dei proventi derivanti dalle attività illecite, inquinando in tal modo l’economia legale.

Il diuturno impegno nello specifico comparto, a salvaguardia dell’economia legale, testimonia la rilevanza attribuita al fenomeno criminale dalle Fiamme Gialle messinesi e dalle Autorità Giudiziarie del distretto, coralmente considerato di grave impatto sociale

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Col reddito di cittadinanza e 600mila euro in contanti in un borsone, fermato agli imbarcaderi
MessinaToday è in caricamento