Sabato, 13 Luglio 2024
Economia

Redditi, Messina la seconda città più "ricca" in Sicilia

Il dato emerge dell'analisi dell'Osservatorio Findomestic. In crescita tutta la Sicilia, ma l'isola resta terzultima in Italia nel settore consumi

Messina è la seconda città più "ricca" in Sicilia. Lo attesta l'analisi dell'Osservatorio Findomestic che ha analizzato il reddito e la capacità di consumo di tutta la regione. La città dello Stretto è la terza provincia siciliana e la 40° in Italia per spesa complessiva in beni durevoli nel 2022: 526 milioni di euro e -4,9% rispetto all’anno precedente. Da qui il secondo reddito medio più alto (17.194 euro) nell’Isola dopo quello di Ragusa. 

Secondo l’Osservatorio Findomestic la tendenza in Sicilia è in linea con la media nazionale e migliore rispetto a quella del Mezzogiorno (-3,7%). Gli acquisti di auto usate – un mercato in Sicilia da oltre 1 miliardo di euro – hanno contenuto il calo compensando il tracollo del nuovo. Nel 2022 redditi in aumento di quasi il 7%, in particolare a Palermo, Agrigento ed Enna. Nel 2022 la spesa complessiva in beni durevoli in Sicilia è scesa del 2,7% a 4 miliardi e 78 milioni di euro in totale. I dati del 29° Osservatorio Findomestic evidenziano come la performance siciliana sia allineata alla media nazionale, ma al contempo migliore rispetto a quella del Mezzogiorno (-3,7%). “La ragione – commenta Claudio Bardazzi, responsabile dell’Osservatorio Findomestic – è la miglior tenuta del segmento delle auto usate che vale nell’Isola 1 miliardo e 122 milioni di euro, una cifra in diminuzione del 2,8% contro il -4,8% di media nelle altre regioni del Sud”. Il reddito medio dei siciliani (16.230 euro l’anno) è il terzo più basso d’Italia (peggio solo Campania e Calabria), ma ci sono segnali positivi: nel 2022 la crescita regionale del 6,9% è trainata in particolare da Palermo (+7,8%), Agrigento ed Enna (entrambe +7,6%). In coda Siracusa (+5,6%), Catania (+5,8%) e Trapani (+5,9%).

I consumi di beni durevoli si sono orientati soprattutto verso le auto usate (142 milioni di euro, -2,2% che rappresenta il 17° miglior andamento in Italia). Al contrario crollano le auto nuove a quota 86 milioni (-20,6% sul 2021, peggiore andamento in Sicilia e 97° in Italia) e si attestano in negativo anche i motoveicoli a -3,1% per 29 milioni di euro. Nell’ “universo casa” lieve flessione per gli elettrodomestici (-0,7% a 47 milioni), più sostenuta per l’elettronica di consumo (-9%, 19 milioni) come per l’information technology (-7,5%, 18 milioni). Il mercato dei mobili nel messinese ha chiuso il 2022 con 125 milioni di euro di spesa totale, in crescita del 3%. A Messina sono stati spesi 225 euro a famiglia per prodotti di telefonia, 60 milioni di euro in tutto, l’1,5% in meno (peggior andamento in Sicilia).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Redditi, Messina la seconda città più "ricca" in Sicilia
MessinaToday è in caricamento