Caos all'Ars, De Luca a Musumeci: “Inadeguato a governare, il ventennio è passato da un pezzo”

Il sindaco di Messina interviene sul duro scontro fra il presidente della Regione e il deputato di Italia Viva Sammartino che aveva chiesto il voto segreto su un emendamento. E così è arrivata ancora una volta la sospensione della seduta di Sala d'Ercole

Interviene anche il sindaco di Messina Cateno De Luca sul durissimo scontro fra il presidente della Regione Nello Musumeci e il deputato Luca Sammartino che aveva chiesto il voto segreto su un emendamento all'articolo 3 della finanziaria che assegna risorse allo Sport e al Turismo. E così è arrivata ancora una volta la sospensione della seduta di Sala d'Ercole 

"La sua richiesta non fa onore né a lei né a questo parlamento - ha tuonato Musumeci prendendo la parola - In un momento in cui tutta la comunità siciliana si aspetta chiarezza, lei nel voto alla legga di stabilità chiede il voto segreto. Si vergogni. E per protesta lascio l'Aula. E mi creda è un fatto epico al quale non posso assolutamente aderire. Si vergogni, deputato Sammartino. Mi auguro che di lei e di quelli come lei si possa presto occupare ben altro Palazzo" ha concluso il governatore.
“Parole che hanno scatenato il caos in aula, con alcuni deputati che dagli scranni hanno urlato a squarciagola "Come si permette?", "Vergogna. E ancora: "Falla finita, "Questa è una minaccia". Il presidente Gianfranco Miccichè è stato così costretto a sospendere l'aula.

Caos anche fuori dall’Aula con la reazione di Musumeci. “Esprimo la mia personale solidarietà nei confronti dell’on. Luca Sammartino – ha detto De Luca - e condanno le parole del presidente Nello Musumeci, ricordandogli che il ventennio è passato da un pezzo. Con il suo modo di agire conferma sempre più di essere inadeguato a governare la Sicilia. Gli ricordo che in Italia sono in vigore regole ben precise, che prescindono da questi attacchi fuori luogo e giustizialisti, che offendono la dignità degli uomini. Invito pertanto il presidente Musumeci a formulare le sue scuse non solo all’on. Sammartino ma anche a tutti coloro che sono entrati nelle aule di tribunale dimostrando la propria innocenza senza fuggire, anche se a distanza di qualche decennio”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sulla vicenda anche i capogruppo dell’opposizione in Assemblea regionale, D’Agostino, Fava, Lupo e Pasqua: "L'intervento di oggi del presidente Musumeci costituisce un offesa grave e senza precedenti nei confronti di tutto il Parlamento siciliano. Apprezziamo la censura immediatamente espressa dal presidente dell'Ars Miccichè. Crediamo che mettere in discussione le prerogative di un Assemblea Parlamentare e offendere l'onorabilità dei suoi deputati, come ha fatto Musumeci, sia un comportamento irricevibile e incompatibile con l'alta responsabilità della funzione che ricopre."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo ricovero per coronavirus al Policlinico, una cinquantenne in arrivo da Patti: due impiegati in isolamento

  • Milazzo, secondo giorno di ricerche di Aurelio Visalli: città sotto choc

  • Nonno positivo al Covid, tre alunni della "Catalfamo" in quarantena

  • Si tuffano in mare a Milazzo nonostante la burrasca, ragazzi in balìa delle onde: un disperso tra i soccorritori

  • Disperso della Guardia Costiera, il testimone che ha allertato i soccorsi: "L'ho visto galleggiare e trascinato a largo"

  • Milazzo, il mare restituisce il corpo di Aurelio Visalli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento