rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Elezioni regionali 2022

Regionali, De Luca presenta i candidati della lista "Orgoglio Siculo": al suo fianco anche Angelo Villari

Il segretario del Pd di Catania finito al centro delle polemiche per il no deciso dalla candidata alla presidenza della Regione Caterina Chinnici alle candidature di chi ha procedimenti penali in corso, sceglie di candidarsi all'Ars con una delle liste che fanno capo all'ex sindaco

Con la presentazione a Messina dei candidati della lista “Orgoglio Siculo” si chiude l’ufficializzazione degli uomini e delle donne inseriti nelle tre ammiraglie che sostengono il programma di governo della Sicilia proposto del leader di “Sud chiama Nord” Cateno De Luca.

Mario Briguglio, già sindaco di Scaletta Zanclea, Enzo Pulizzi, sindaco di Francavilla di Sicilia, Ivano Cantello, già consigliere comunale, Serena La Spada, consigliere comunale di Venetico, Rita Rosaria Di Ciuccio consigliere comunale di Messina, Daniela Zirilli, consigliera comunale Villafranca Tirrena, Cettina Bonocore, consigliere comunale Messina e Francesco Fazio, pediatra. Questi i nomi dei candidati inseriti nella lista “Orgoglio Siculo”.

«Sono contento di essere riuscito a chiudere tutte e tre le nostre ammiraglie nelle nove province siciliane – spiega De Luca, candidato alla poltrona di presidente della Regione -. E posso già dirvi che le liste “De Luca sindaco di Sicilia”, “Sicilia Vera” e “Orgoglio Siculo” saranno affiancate da sei liste di testimonianza ad Enna e Messina, mentre su Caltanissetta, Ragusa, Siracusa, Palermo e Catania sosterranno il nostro progetto di cambiamento della politica regionale anche “Autonomia Siciliana” e Impresa Sicilia”. A Trapani ci saranno le tre liste principali più “Autonomia Siciliana”. Oltre 300 uomini e donne schierate per il progetto De Luca sindaco di Sicilia che voglio ringraziare perché hanno scelto di stare con noi e di fare scelte di territorio lasciando stare le ideologie. “La Sicilia sopra i partiti” come diceva Don Luigi Sturzo».

Durante la conferenza stampa non è mancato un passaggio sull’attuale panorama della politica regionale da parte del candidato alla poltrona di governatore siciliano Cateno De Luca: «Vittima di sé stessa sarà oggi Caterina Chinnici, che però noi invitiamo a restare perché le lezioni non sono come i convegni. I titoli blasonati non bastano per dimostrare di essere un buon amministratore. Del resto, la Chinnici è stata assessore regionale con Raffaele Lombardo. Ma chi si ricorda di lei e di quello che ha fatto?»

Ai giornalisti che gli domandavano un giudizio sui nomi dei candidati uscenti per le nazionali ha spiegato: «ai siciliani voglio solo ricordare che il vostro voto se dato al centrodestra o al centrosinistra elegge soggetti che con la Sicilia non hanno nulla a che fare. Dare il Voto al Pd significa dare il voto alla Furlan, dare il voto a Berlusconi significa votare Marta Fascina, la sua fidanzata. Noi abbiamo scelto candidati che rappresentano il territorio. Questo fa la differenza tra noi e gli altri».

Intanto Angelo Villari, segretario del Pd di Catania finito al centro delle polemiche per il no deciso dalla candidata alla presidenza della Regione Caterina Chinnici alle candidature di chi ha procedimenti penali in corso, sceglie di candidarsi all'Ars con una delle liste che fanno capo all'ex sindaco di Messina Cateno De Luca. La notizia viene confermata da ambienti vicini a De Luca, che ha annunciato per domani, alle ore 9.30 presso il caffè Prestipino in via Etnea, una conferenza stampa a Catania con Villari, che a questo punto lascerà il Pd.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regionali, De Luca presenta i candidati della lista "Orgoglio Siculo": al suo fianco anche Angelo Villari

MessinaToday è in caricamento