rotate-mobile
Politica Giardini-Naxos

Giardini Naxos, Stracuzzi non molla: "Superiamo le divisioni, occorre continuare a lavorare insieme per il Paese"

Nonostante lo scioglimento del consiglio comunale il sindaco va avanti. Il bilancio di fine anno e l'impegno per il Consorzio

Un anno complesso da un punto di vista amministrativo. Così il sindaco di Giardini Naxos Giorgio Stracuzzi saluta un 2023 che gli ha portato la decadenza per incompatibilità e lo scioglimento del consiglio comunale.

Difficoltà che però non intaccano la sua voglia di andare avanti nonostante una sfiducia che arriva anche dalla maggioranza, la mancata approvazione del bilancio e la richiesta di dimissioni.

“Sono amareggiato questo è ovvio e desidero ribadirlo espressamente - spiega Stracuzzi -  per la reiterata mancanza del numero legale nelle sedute di approvazione del bilancio di previsione 2023/2025 da parte del nostro Consiglio comunale, che peraltro, quale effetto automatico previsto dalla legge, porterà nei prossimi giorni allo scioglimento del Civico Consesso e alla nomina da parte della Regione di un Commissario straordinario, che rimarrà in carica assieme al sottoscritto ed alla Giunta assessoriale”.

“Ai Consiglieri comunali, a tutti quanti indistintamente, voglio rivolgere un pensiero di gratitudine per il lavoro fin qui svolto nell’interesse della Comunità rappresentata.  Nel contempo - osserva Stracuzzi - non posso non biasimare l’atteggiamento di diffidenza e di fuga dalle responsabilità che ha caratterizzato il comportamento di una larga parte dei Consiglieri nelle più recenti vicende deliberative”.

“Confido comunque che, superate le più grandi criticità e le più importanti scadenze, si possa continuare ad operare e a programmare, considerata peraltro l’imminente conclusione, nel prossimo mese di febbraio, del Piano di riequilibrio (finalmente, dopo 10 anni di sacrifici, si conclude l’epoca del “predissesto”!) e il conseguente ritorno nella disponibilità del Comune di ingenti risorse aggiuntive”.

“A chi ritiene, poi, che alla decadenza del Consiglio comunale potrei far accompagnare le mie dimissioni dalla carica di Sindaco, rispettosamente rispondo che almeno per questa fase, dopo un’attenta valutazione, intendo continuare ad onorare il mandato ricevuto dagli elettori anche tenuto conto dell’ampio consenso popolare che ho ricevuto all’atto della mia elezione e degli attestati di stima e di fiducia che quotidianamente ricevo”.

“Ai dipendenti, ai Responsabili di Settore e al Segretario generale desidero rivolgere un sentito ringraziamento per gli immani sforzi compiuti in questi ultimi giorni dell’anno per assicurare la continuità di numerosi servizi essenziali, mai messa in discussione proprio grazie allo zelo e alla abnegazione della macchina amministrativa comunale”.

“Sono lieto infine di annunciare - come avevo promesso a più riprese nel rispetto del termine del 31 dicembre, mai dubitandone nonostante i processi alle intenzioni e gli echi di sventura - che stamani si è provveduto al pagamento in favore del Consorzio per la Rete fognante della quota associativa per l’anno 2023, per ben un milione e mezzo di euro, voce regolarmente inserita tra le spese obbligatorie del bilancio approvato ieri pomeriggio dal Commissario ad acta. Lavoreremo da domani affinché i trasferimenti in favore del Consorzio avvengano a questo punto con cadenza regolare”.

“C’è ancora molto da fare, cari concittadini - conclude il sindaco - e c’è il massimo impegno affinché si possa restituire a Giardini Naxos il ruolo che merita. È per questo che rivolgo l’invito a superare le divisioni e i ragionamenti di parte e a continuare a lavorare insieme per il Paese.

“Formulo a tutti, con sincero affetto, l’augurio di poter trascorrere una serena conclusione dei giorni che restano del 2023 e, nel contempo, l’auspicio di poter iniziare con gioia il 2024 che sta per arrivare”.

Ma sul futuro di Giardini pesano ancora tante incognite. "La mancata approvazione  del bilancio - scrive il consigliere comunale Agatino Bosco - è un ulteriore convalida da parte dell’aula alla sentenza di decadenza del sindaco Stracuzzi. Un motivo in più per rassegnare le dimissioni e finalmente quel “voltiamo pagina” che i Giardinesi aspettano fin dall’ insediamento di questa amministrazione. Il sindaco Stracuzzi ha tradito la fiducia della sua stessa maggioranza e dei suoi elettori nel momento in cui ha nominato cinque assessori esterni ed estranei non solo alla sua coalizione ma all’intera cittadina e alla sua variopinta classe politica che pur aveva dato la propria disponibilità ad un governo di salute pubblica. Stracuzzi ha sfiduciato la sua coalizione e la sua coalizione, non approvando un bilancio, esitato sfavorevolmente dai revisori dei conti, ha sfiduciato Stracuzzi. Auguro ai cittadini un buon 2024 - conclude -  che potrebbe iniziare con la certezza della sempre disponibilità di Stracuzzi che professionalmente e  umanamente ha dimostrato ai suoi concittadini, rassegnando le proprie dimissioni come apprezzato regalo politico di fine anno a Giardini Naxos".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardini Naxos, Stracuzzi non molla: "Superiamo le divisioni, occorre continuare a lavorare insieme per il Paese"

MessinaToday è in caricamento