rotate-mobile
Venerdì, 3 Febbraio 2023
Politica

Nomine alle Partecipate, l'interrogazione al sindaco resta senza risposta: scatta la segnalazione alla Regione

I consiglieri di FdI Gioveni, Carbone e Curro segnalano all'assessorato e al prefetto la "violazione dell'obbligo di risposta nei termini di legge"

Contestavano la mancata nomina dei nuovi componenti nei Cda nelle partecipate, accusando il sindaco di non averli sostituiti, dopo la sua elezione, entro i 45 giorni previsti dalla legge. Come hanno operato nei giorni successivi? Come sono stati fatti i nuovi avvisi se non ci sono state prima le relative dimissioni? Chiedevano i consiglieri di Fratelli d’Italia, Libero Gioveni, Dario Carbone e Pasquale Currò in una interrogazione del 30 settembre.

Ma, soprattutto, perché si è atteso così tanto tempo? Una domanda, quest’ultima, che reiterano oggi, perché a sessanta giorni dall’interrogazione a risposta scritta, sono arrivate le nomine per le partecipate ma non la risposta sui ritardi.

Tanto che i tre hanno deciso di segnalare “l'inadempienza all'assessorato regionale alle Autonomie Locali e al prefetto per gli opportuni provvedimenti di competenza”.

I consiglieri segnalano di non aver ricevuto dal “Sindaco di Messina alcun atto o documento che potesse anche in minima parte rappresentare una risposta ai quesiti posti sugli argomenti di interesse generale” e che “la mancata risposta alle interrogazioni dei sottoscritti consiglieri, oltre a costituire una compromissione del proprio diritto proponente ad esercitare con pienezza, tempestività ed efficacia il proprio mandato consiliare, è da interpretare a tutti gli effetti come una mancata risposta alla cittadinanza tutta, poiché l’Amministrazione è tenuta a riscontrare tali istanze non solo per questioni di correttezza istituzionale ma per chiarire le linee di indirizzo del Governo cittadino ed orientare così al meglio le azioni dei consiglieri”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nomine alle Partecipate, l'interrogazione al sindaco resta senza risposta: scatta la segnalazione alla Regione

MessinaToday è in caricamento