Politica

Nomine da gattopardo al Teatro Vittorio Emanuele, il nuovo Cda con due conferme su tre

Alla presidenza su indicazione regionale resterà Orazio Miloro mentre l'unica novità in Consiglio è l'avvocato Traclò

Definito il puzzle del nuovo consiglio d'amministrazione al Teatro Vittorio Emanuele e tutto secondo copione. Confermato alla presidenza dopo il breve incarico di commissario straordinario dell'ente Orazio Miloro sempre indicato dall'assessore regionale Elvira Amata. Nel Cda ma su scelta del sindaco Federico Basile troverà ancora spazio Lorenzo Scolaro mentre la novità da Palazzo Zanca è la scelta caduta sull'avvocato Oleg Traclò. Basile la scorsa estate aveva prorogato le selezioni. Attesa adesso per la nomina dei nuovi direttori di Prosa e Musica e se sarà indetto un nuovo avviso rispetto a quello pubblicato nei mesi precedenti. Sul Vittorio le posizioni tra conservatori e riformisti sono molto attuali. Da un lato l'assessore Amata ad esempio che alla nomina da commissario di Miloro aveva elogiato il lavoro svolto fin adesso dal precedente Cda e dall'altro i sindacati come la Slc Cgil che parlano di stallo perpetuo e di un continuo tenere a distanza gli artisti locali costretti a esibirsi altrove perché nel Teatro della loro città vengono "esclusi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nomine da gattopardo al Teatro Vittorio Emanuele, il nuovo Cda con due conferme su tre
MessinaToday è in caricamento