Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica Duomo / piazza Unione Europea

Patrimonio Spa, Pd lasciato solo nella richiesta di revoca

In Consiglio comunale la maggioranza tra assenti e astenuti decide di mantenere una delle ultime società nate su volontà del sindaco per gestire i beni comunali, la proposta era stata avanzata a luglio dai consiglieri del partito democratico

La proposta di delibera per revocare la Patrimonio Spa aveva il parere negativo del dirigente. Così la maggioranza del Consiglio tra astenuti e assenti ha deciso di lasciare soli i consiglieri del Pd, in testa la prima firmataria Antonella Russo, che avevano richiesto ai colleghi di annullare una delle ultime società create dal sindaco De Luca.  

Anche i Cinquestelle si sono defilati. La proposta di revoca era stata chiesta dalla Russo, Gaetano Gennaro, Felice Calabrò, Libero Gioveni, Alessandro Russo, Massimo Rizzo e Biagio Bonfiglio. La costituzione della società pubblica in house providing “Patrimonio Messina Spa” era stata approvata con delibera di consiglio comunale l’1 luglio. Con avviso pubblico del 5 luglio emesso dall’ufficio di gabinetto del sindaco era stata indetta la procedura di reclutamento di tre componenti del Consiglio di Amministrazione, di tre membri effettivi e di due supplenti in seno al collegio sindacale, e di un revisore legale dei conti. Secondo i firmatari della revoca la delibera di costituzione della Patrimonio era viziata da profili di incompatibilità giuridica. Ma la maggioranza d'aula la pensa diversamente, la Patrimonio Spa continuerà il suo cammino. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patrimonio Spa, Pd lasciato solo nella richiesta di revoca

MessinaToday è in caricamento