rotate-mobile
Attualità

Controesodo, code anche di due ore per gli imbarchi

Separato il traffico dei mezzi che devono attraversare lo Stretto e quelli della mobilità cittadina. In autostrada code soprattutto in direzione delle località balneari

Traffico intenso ma non da bollino nero agli imbarcaderi sullo Stretto di Messina in quella che dovrebbe essere l’ultima domenica calda sul fronte degli spostamenti. La situazione più difficile, probabilmente, è stata registrata ieri per il passaggio di tanti vacanzieri che hanno lasciato la Sicilia e che hanno intasato le vie della città. Il piano predisposto per separare il traffico delle auto che devono prendere il traghetto e quelle che invece appartengono alla mobilità cittadina ha creato una lunga coda sul viale della Libertà che questa mattina arrivava, a tratti, anche all’altezza della passeggiata a mare mentre l’attesa era di circa un’ora per i mezzi che già si trovavano alla rada San Francesco all’interno del serpentone di Caronte e Tourist che ha predisposto otto navi in linea per aumentare la cadenza delle corse. Meno code, invece, ai traghetti di Bluferries, al porto antico. 

In autostrada i nodi principali sono quelli dei caselli in entrata, a Tremestieri ed a quelli delle località balneari, Taormina su tutte. Code anche a Villafranca Tirrena, in ingresso per la A20. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controesodo, code anche di due ore per gli imbarchi

MessinaToday è in caricamento