Fase2, il contadino visionario Angelo Villari: “Agricoltura e spazi aperti, creiamo un ritorno alla straordinarietà”

Da gestore di alberghi a moderno agricoltore, con la sua Fattoria Villarè testimonia tutti i giorni l'impegno in un luogo senza tempo che riscopre i valori del passato. Un obiettivo anche per la fine del lockdown

Angelo Villari

Da gestore di alberghi a “moderno contadino”. Quella di Angelo Villari è stata una rivoluzione prima personale e poi allargata e donata alla città grazie alla nascita - ormai qualche anno fa - della Fattoria urbana Villarè. Una storia che parla di agricoltura, cibo buono, convivialità ma soprattutto di rispetto per la natura. Amore, passione, impegno in un luogo senza tempo che ha voluto riscoprire i valori del passato. Gli stessi, che oggi Angelo Villari, invita a difendere  - con una lunga “lettera al cronista” che riveniamo e pubblichiamo - per trasformare la fine del lockdown più che in un ritorno alla normalità in un ritorno alla straordinarietà.

Un modo diverso di vivere che ci dona possibilità inaspettate

La vera Fase 2 non è il ritorno alla normalità ma l’opportunità per la “straordinarietà”.

Cambiare stile di vita, mettere in discussione le proprie abitudini, a volte è complesso e non è una pratica che appartiene a molti. Ma il  lockdown ci ha imposto il cambiamento e penso che sia fondamentale saper cogliere positivamente i risvolti.

La “quarantena moderna” ha sicuramente ridisegnato due concetti: lo spazio e il tempo.

Ci siamo sempre rifugiati negli spazi al chiusi credendoli più sicuri e i più adatti alle nostre attività. Ma la “Fase 1” li ha resi limitanti e poco vivibili:  non è stato più possibile andare in ufficio, a scuola, all’università, in fabbrica, in palestra, al cinema, a teatro… STOP! Un Paese bloccato. Un Paese impreparato, e probabilmente poco flessibile, ad affrontare una crisi, ad affrontare la novità.

E poi “il tempo”. Rimanere a casa ci ha forse insegnato che è più semplice dire  “non ho tempo” e “non fare”, piuttosto che organizzare al meglio la propria giornata e quella dei nostri figli. L’esperienza dello smart working ci ha insegnato come la gestione del tempo e la metodologia del lavoro per obiettivi, è possibile.

Allora non perdiamo questa grande opportunità, non usciamo da casa per tornare a “come eravamo prima”: abbiamo conosciuto un modo diverso di vivere, che ci dona possibilità inaspettate.

Il tema dell’educazione all’aperto è da affrontare adesso con grande determinazione per diffondere una visione diversa della didattica, per tutte le età.

Se avessimo avuto asili e scuole all’aperto, forse avremmo potuto continuare a tenere le lezioni.

Le crisi si superano con l’innovazione e con lo sviluppo che realmente creano un’alternativa per il futuro. Vedere gli spazi all’aperto come aule può essere un nuovo percorso per il mondo dell’educazione del nostro Paese, post pandemia. 

Di scuole all’aperto si parla ormai da tanto, in tutta Europa.  In Italia sono già partiti i primi progetti  innovatori. A Messina una fattoria didattica si fa promotrice di educazione all’aperto da tre anni, genitori consapevoli credono in un modello educativo alternativo e costruiscono, passo dopo passo, un progetto bellissimo, replicabili anche nel settore pubblico.

Immaginate parchi, giardini, ville comunali diventare sedi di “scuole all’aperto”. Un’amministrazione visionaria che in un rapporto costi/benefici gestisce al meglio lo spazio e gli obiettivi di: riqualificazione urbana, tutela ambientale e servizi per la famiglia.

La natura è stata il nostro passato, è il nostro presente (agricoltura) e sarà anche il nostro futuro.

Una “gestione” innovativa degli spazi all’aperto ci permetterà di costruire società migliori.

Angelo Villari

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Contadino visionario

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trovato morto all'interno di un autocompattatore, tragica mattina alla Decon di Villaggio Unrra

  • Grave incidente stradale a Gaggi, muore un ragazzo di vent'anni

  • Tragico incidente a San Filippo superiore, precipita col camion in un dirupo: muore operaio della forestale

  • Spiagge libere “monopolizzate” dai privati, la polizia municipale sequestra sdraio e 168 ombrelloni

  • Incidente stradale a Cagliari, funerali al Duomo per Davide Luna

  • Incidente mortale a Cagliari, torna a casa la salma del diciannovenne Davide Luna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MessinaToday è in caricamento