rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Arte

PostUmano approda a Mantova, alla collettiva Reliquie in viaggio anche la messinese di adozione Concetta De Pasquale

In mostra al Museo Diocesano “Francesco Gonzaga”, insieme alle opere di Giorgio Piccaia e Rosa Mundi , quattordici creature dell'artista

Ci sono anche quattrodici lavori della  messinese di adozione Concetta De Pasquale nella collettiva PostUmano. Reliquie in viaggio, che sarà inaugurata sabato 17 settembre alle ore 11  al Museo Diocesano “Francesco Gonzaga” di Mantova. Ad essere coinvolti anche gli artisti Giorgio Piccaia, Rosa Mundi . La mostra è curata da Andrea Guastella, Marco Marinacci e Susanna Ravelli.

Gli artisti si confrontano sul significato del momento storico che stiamo attraversando: un momento carico di significati nuovi e antichi che ci indica la strada verso una condizione post-umana. Si interroga sul rapporto con la Natura e con il suo stesso corpo individuale e collettivo. L’iniziativa si colloca nel quadro degli eventi della mostra PostUmano Reliquie in viaggio che si è svolta dal 24 aprile sulle motonavi Ave Maria e Vita Pugna, in viaggio da Venezia a Mantova, occasione nella quale le opere di Concetta De Pasquale, Giorgio Piccaia e Rosa Mundi hanno dialogato con i lavori degli artisti esposti al Padiglione della Repubblica di San Marino, 59. Esposizione Internazionale d’Arte – La Biennale di Venezia, dedicato al tema PostUmano Metamorfico. La mostra che approda da metà settembre al Museo Diocesano “Francesco Gonzaga” fino al 16 ottobre 2022: raccoglie le opere esposte sulle navi e si arricchisce di ulteriori pezzi che approfondiscono il senso dell’errare umano alla ricerca di nuovi codici del sacro. 

Si ricompone un dialogo intimo tra le opere dei tre artisti dopo il simbolico pellegrinare tra Mantova e Venezia, due mete storicamente radicate nella tradizione del viaggio devozionale e trasformativo. Le opere, Reliquie, doni sacri dell’arte, giungono così alla fine del loro viaggio, indicando come in ogni epoca pandemica la strada per scorgere tracce di un nuovo pensiero ed un possibile nuovo Umanesimo, a partire da una condizione post-umana.

L'esposizione  rimarrà aperta dal 18 settembre al 16 ottobre  dal mercoledì alla domenica ore  9,30 – 12; 15– 17,30. E’ possibile prenotare la propria visita telefonando allo 0376 320602 (nei giorni e orari di apertura) oppure via mail museofgonzaga@alice.it. Durante il vernissage, il 17 settembre 2022, dalle 11 alle 17, 30 l’ingresso è libero. Partner del progetto Fondazione Ca Donà dalle Rose, Padiglione San Marino Biennale di Venezia-Padiglione S. Marino; International Propeller club Milano, Mantova e Venezia, Compagnia Motonavi Girolibero, Museo Diocesano Mantova, Alot srl, Vierre costruzioni, Olg, Centro Studi Milano’900, La Stanza dell’Arte, That’s Contemporary.

Concetta De Pasquale nasce a Salò (BS) nel 1959. Trasferitasi in Sicilia con la famiglia negli anni Settanta, si laurea a Messina in lettere, specializzandosi ad Urbino in Storia dell’Arte. Successivamente si laurea in pittura all'Accademia di Belle Arti di Brera a Milano, dove frequenta gli studi degli scultori Fausto Melotti e Nanni Valentini, suoi maestri nell’uso minimale e rigoroso della materia. Dopo le prime esperienze con materiali diversi, la sua attenzione si ferma sulla carta che diventa supporto privilegiato per una pittura organica essenziale ed intima che indaga il corpo nella sua doppia valenza, fisica e spirituale. La sua è una pittura visionaria che scaturisce dall’esperienza che il proprio corpo compie incontrando direttamente la carta. La pittrice, infatti, nelle sue grandi carte non si limita a deporvi pittura, ma lascia che questa si faccia sudario ad incarnare segni, impronte e tracce di una esperienza che prima di essere pittorica è mentale e spirituale. Negli anni il suo percorso artistico, si fa sempre più intenso arricchendosi, durante i suoi molteplici viaggi, di importanti scambi artistici con personalità di spicco nel mondo dell’arte e della cultura, scrittori, architetti, fotografi, registi e musicisti, con i quali intraprende un dialogo creativo realizzando in team libri d'arte, spettacoli, performance ed installazioni. 

Ha insegnato per parecchi anni al liceo artistico della città di Messina e attualmente vive e lavora nel suo studio artistico in Sicilia sul mare, intraprendendo spesso viaggi in barca a vela come “Pittrice di bordo” dove realizza taccuini di viaggio e traccia rotte reali e immaginarie su carte nautiche dei suoi viaggi. Dal 1979 ad oggi ha esposto in spazi pubblici e gallerie private in Italia e all’estero: Stoccolma, Lisbona, Parigi, Nizza, Principato di Monaco, Londra, Strasburgo, Budapest, Bruxelles, Berlino, Lugano, Dubai e Indonesia.  Ha realizzato progetti e mostre Personali in importanti Musei e spazi pubblici, come: Palazzo Medici Riccardi a Firenze; Palazzo Duchi di Santo Stefano a Taormina; Palazzo D’Amico e al Castello di Milazzo; Palazzo della Cultura a Catania; Monte di Pietà, Galleria d’Arte moderna e Museo Regionale a Messina; Palazzo Zenobio a Venezia; Maschio Angioino e PAN-Palazzo delle Arti a Napoli; Galleria Civica di Arte Contemporanea Montevergini a Siracusa;  Forte Stella a Porto Ercole; Palazzo della Loggia dei mercanti a Montepulciano; Museo Regionale d’Arte Contemporanea Riso e alla Fondazione Federico II dell’A.R.S. Assemblea Regionale Siciliana a Palermo; Fondazione Orestiadi Gibellina; Museo Civico del Convento del Carmine a Marsala;  Museo Tecnico Navale della Marina Militare della Spezia; Museo del Mar di Santa Pola in Spagna. Per la città di Messina nel 2010 ha progettato e realizzato una scultura monumentale, commissionata dal Comune per la piazza del Teatro Vittorio Emanuele, omaggio al suo maestro Fausto Melotti.

E’ stata invitata in Residenze d’Artista in Italia e all’Estero e a partecipare ad importanti rassegne d’arte internazionali, tra le quali alla Biennale Internazionale d’Arte Contemporanea a Firenze nel 2003 curata da John Spike; nel 2012 alla Fondazione Terre Medicee di Seravezza, Le avventure della forma curata da Marco Moretti; nel 2011 al Padiglione Italia della 54^ Biennale di Venezia, curata da Vittorio Sgarbi e nel 2015 ad Artisti di Sicilia e all’ Expo di Milano; la partecipazione a BIAS nel 2018 e 2020, Biennale Internazionale d’Arte Sacra - Palermo, Sicilia, Venezia, Egitto, Israele a cura di Chiara Modica Donà dalle Rose; nel 2019 viene invitata ad esporre al Salone Nautico Internazionale di Genova e all’Istituto Idrografico della Marina Militare; nel 2021 la partecipazione a WopArt works on paper a Lugano a cura di Robert Philips. Di lei si sono occupati i critici e storici dell’arte come Francesco Gallo Mazzeo, Fiorella Nicosia, Tommaso Trini, Roberto Sanesi, Antonio Vitale, Marco Marinacci, Josuè Allegrini, Marco Moretti, Francesco Carbone, Carmela Cappa, Giovanna Famà, Ornella Fazzina, Gaetano Bongiovanni, Katia Giannetto, Alessandro Masi, Maurizio Vitiello, Vittorio Sgarbi, Giulia Jurinich, Teresa Pugliatti, Lucio Barbera, Giovanna Giordano, Giorgio di Genova, Stefano Miliani, Maria Teresa Roberto, Giuliano Serafini. Le sue opere sono presenti in musei e in importanti collezioni pubbliche e private in Italia e all’Estero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PostUmano approda a Mantova, alla collettiva Reliquie in viaggio anche la messinese di adozione Concetta De Pasquale

MessinaToday è in caricamento