Sabato, 25 Settembre 2021
Attualità

Mancano i vertici all'ufficio scolastico, sindacati: “Nessuno può firmare, docenti messinesi penalizzati”

Il direttore generale della Sicilia in pensione da aprile mentre a luglio è scaduto il mandato del dirigente d'ambito. Le pratiche sulle assegnazioni costrette a fare la spola prima a Palermo e poi al Miur di Roma. Con queste conseguenze

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MessinaToday

I segretari generali del comparto scuola di Cgil, Cisl e Uil, Pietro Patti, Carmelo Cardillo e Toti Piccolo, esprimono forte dissenso rispetto a quanto si sta realizzando a danno del personale docente e Ata di Messina. Infatti, alla nota carenza di personale dell’ufficio scolastico provinciale, come già paventato dai sindacati, dallo scorso 25 luglio si è aggiunta l’assenza di un Dirigente d’Ambito (per scadenza mandato) e del Direttore Generale della Sicilia, andato in pensione il 30 aprile. 

«In un momento di particolare intensa attività delle azioni propedeutiche a garantire un regolare avvio del prossimo anno scolastico – denunciano i rappresentanti di Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola – l'Ambito territoriale di Messina e la Direzione Scolastica Regionale Siciliana si sono ritrovati senza un responsabile della firma per cui, molti dei provvedimenti, debbono fare la spola tra Messina e Palermo e tra Palermo e il Miur a Roma. Una regione come la Sicilia non può rimanere in una situazione di stallo come questa».

I ritardi accumulati ad ogni passaggio tra gli uffici locali e quelli centrali, oltre la mancata possibilità di delegare molte funzioni agli uffici periferici, ad esempio non consentiranno la pubblicazione entro il 31 agosto di molti dei movimenti annuali. «Che – sottolineano Patti, Cardillo e Piccolo – avrebbero garantito a molti nostri conterranei di prestare servizio nella propria terra, poca cosa per chi non vive in prima persona tale disgraziata condizione esistenziale, abbandonare affetti e talvolta figli piccoli. Personale di un territorio martoriato da tantissime necessità si ritrova ad affrontare spese di viaggio, di reperimento di un alloggio, per poi magari ad anno scolastico iniziato vedere accolta, con forte ritardo, l'istanza per poter prestare servizio nella propria provincia e tutto questo anche, se non soprattutto, per semplici ritardi nelle nomine “politiche”».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mancano i vertici all'ufficio scolastico, sindacati: “Nessuno può firmare, docenti messinesi penalizzati”

MessinaToday è in caricamento