Sabato, 31 Luglio 2021
Cronaca

Allarme Coronavirus, turismo in picchiata: a Taormina convocata una unità di crisi permanente

Il sindaco Bolognari informerà la Regione e il Governo nazionale delle proposte già emerse e quelle che saranno avanzate. “Risponderemo con il lavoro, la creatività e la professionalità che hanno fatto di Taormina un brand famoso nel mondo”

L’allarme Coronavirus non azzera gli ingressi al teatro Antico di Taormina. In mille e 500 hanno premiato la decisione del presidente della regione, Nello Musumeci, di confermare la tradizione degli ingressi liberi, la prima domenica di ogni mese, nei luoghi d’arte della Sicilia. 

Ma il panico da Covid-19 sta comunque causando una crisi senza precedenti per il turismo italiano tanto che a Taormina il sindaco Mario Bolognari ieri ha convocato una unità di crisi permanente per monitorare l’evoluzione degli eventi. Alla riunione erano presenti anche il Parco archeologico, il Servizio turistico regionale, l’Asp, l’Asm, Taormina Arte, TaoBuk, Taormina Film Festival. Albergatori, commercianti, agenzie di viaggio, tour operator, sindacati entreranno con un loro tecnico nel tavolo che sarà convocato già nelle prossime ore.

Il sindaco informerà la Regione e il Governo nazionale delle proposte già emerse e quelle che saranno avanzate. “Il coordinamento delle attività tra i diversi livelli di governo è essenziale”, spiega Mario Bolognari.

Secondo i calcoli di Assoturisno Confesercenti, in meno di una settimana dall'esplosione dell'allarme, alberghi, b&b e agenzie di viaggio hanno già visto andare in fumo 200 milioni di euro di prenotazioni per il mese di marzo in tutta Italia. Ad essere investite dalle disdette, non sono solo le attività ricettive delle regioni interessate dai focolai ma anche la Sicilia:  si registrano picchi di cancellazioni dell'80% in Sicilia.

“Abbiamo convocato tutte le parti sociali di Taormina per fare il punto sulla situazione creatasi a seguito della impossibilità di raggiungere il nostro Paese, la Sicilia e la nostra città da parte di molti turisti - spiega Bolognari - Abbiamo riscontrato una unanime volontà di rispondere con il lavoro, la creatività e la professionalità che hanno fatto di Taormina un brand famoso nel mondo. Constatata la efficacia del dispositivo predisposto dalle autorità sanitarie, imprenditori, sindacati e tutte le organizzazioni presenti hanno concordato con la proposta di varare un tavolo tecnico nel quale elaborare una strategia comunicativa immediata per rassicurare il mercato turistico sulla capacità di accoglienza, in sicurezza, dei turisti e dei visitatori nel corso del 2020”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme Coronavirus, turismo in picchiata: a Taormina convocata una unità di crisi permanente

MessinaToday è in caricamento