Lunedì, 18 Ottobre 2021
Cronaca Patti

Patti, geloso di moglie e figli li teneva segregati in casa: arrestato

In carcere un 53enne per maltrattamenti. La triste storia di una famiglia costretta a subire vessazioni e prevaricazioni scoperte dalla polizia a seguito di alcune segnalazioni. I bambini potevano frequentare solo la scuola

Moglie e figli costretti a vivere quasi isolati dal resto del mondo per una insana gelosia che precludeva ogni tipo di relazione. I figli potevano frequentare la scuola, ma qualsiasi altra attività fuori casa era vietata, anche una festa di bambini era preclusa. A mettere fine a tutto ci hanno pensato gli agenti del Commissariato di Patti che hanno arrestato un cinquantatreenne per maltrattamenti in famiglia aggravati nei confronti della moglie e dei figli. L’arresto è stato eseguito su ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip di Patti Ugo Domenico Molina su richiesta del sostituto procuratore Alice Parialò 

L’ indagine condotta dai poliziotti e coordinata dalla Procura, ha portato alla luce anni di violenze, vessazioni e prevaricazioni che l’uomo avrebbe compiuto nei confronti della moglie e dei figli minorenni. Una situazione particolare che era balzata agli occhi di qualcuno tanto che erano intervenuti anche i servizi sociali anche a seguito di segnalazioni. Fin dal primo momento sarebbero emersi i comportamenti dell’uomo tra le mura domestiche e  una morbosa gelosia nei confronti di moglie e figli. 

Oltre che a subire ingiurie e percosse sempre più frequenti,  erano costretti a patire un isolamento reale dettato dal veto assoluto di incontrare persone terze, eccetto che  quelle dell’ambiente scolastico, l’unico che i bambini erano autorizzati a frequentare. Insomma ai bambini era permesso solo andare a scuola  ma qualsiasi altra attività ricreativa o sportiva fuori casa, come il catechismo o una festicciola tra compagni era preclusa.

L’uomo aveva imposto una vera e propria segregazione in casa- come accertato dalla polizia -serrava porte e finestre con lucchetti, costringendo i familiari a continue privazioni, pessime condizioni igienico-sanitarie e uno stato di degrado generalizzato.
Una situazione invivibile che si sarebbe ripetuta negli anni, interrotta con il trasferimento dell’uomo presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto. 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patti, geloso di moglie e figli li teneva segregati in casa: arrestato

MessinaToday è in caricamento