Cronaca

Morte della docente Turiaco, le richieste del legale dopo le perizie: "Augusta era sana, sospendete Astrazeneca"

L'avvocato che assiste i familiari dell'insegnante ha inviato una richiesta al procuratore della Repubblica e alle autorità sanitarie per chiedere di vietare la somministrazione. L'appello dopo le novità emerse dall'autopsia svolta sabato scorso. Nel pomeriggio i funerali

L’avvocato Daniela Agnello che tutela i familiari di Augusta Turiaco, l'insegnante morta per trombosi (sono in corso indagini per stabilire un nesso tra l'assunzione del vaccino Astrazeneca e i malori risultati fatali) ha depositato al procuratore della Repubblica e alle autorità sanitarie nazionali e internazionali richiesta di immediata sospensione cautelativa della somministrazione del siero anglosvedese per i soggetti con età inferiore a 60 anni.

Morta l'insegnante Augusta Turiaco, esposto dei familiari 

"L’evento infausto che ha colpito la prof Turiaco - si legge - così come tutti gli altri eventi letali e le lesioni gravissime che si sono presentati in strettissima correlazione temporale con l’inoculazione del vaccino, impongono l’emissione di un provvedimento immediato.  A seguito dell’autopsia i consulenti di parte, Daniela Sapienza, medico legale, Guido Ferlazzo, immunologo e il professore Andrea Alonci, ematologo hanno evidenziato che “dalla documentazione clinica acquisita e dall’esame macroscopico cadaverico, è possibile confermare l’ipotesi diagnostica clinica laboratoristica che esclude preesistenti patologie che possano aver avuto un ruolo significativo nel determinismo della trombosi polidistrettuale”.

La Francia ha vietato il vaccino sotto i 55 anni di età, la Danimarca, la Norvegia e la Svezia hanno sospeso la somministrazione del vaccino, la Germania ha sospeso la somministrazione alzando in via precauzionale l’età ai 60 anni. Il Comitato di Valutazione dei rischi per la Farmacovigilanza dell’Agenzia Europea per i Medicinali (Ema), nella riunione del 18 marzo 2021, ha confermato il favorevole rapporto beneficio/rischio del vaccino antiCovid19 AstraZeneca ma non ha specificato il rapporto beneficio/rischio per le fasce d’età 30/60 anni. L’Aifa, in coordinamento con l’Ema e gli altri Paesi europei, ha comunicato - prosegue la nota - che valuterà tutti gli eventi che sono stati segnalati a seguito della vaccinazione e che revisionerà gli eventi avversi tromboembolici verificatisi con il vaccino Covid-19 AstraZeneca, ma a tutt’oggi non ha diffuso le valutazioni assunte e nelle more si potrebbero verificare ulteriori infausti eventi di persone al di sotto dei 60 anni. Nel pieno rispetto della campagna vaccinale - conclude l'avvocato Agnello - e nell’interesse della salute come diritto fondamentale dell’individuo e interesse della collettività, la famiglia Turiaco chiede chiarezza e risposte ai dubbi sollevati, ma soprattutto la somministrazione di un vaccino sicuro".

Nel pomeriggio alle 15,30 in Cattedrale i funerali di Augusta Turiaco. 

Intanto restano gravissime anche le condizioni dell'avvocato ricoverato in terapia intensiva al Policlinico. Le dinamiche, simili a quelle accadute per la docente messinese, hanno riacceso preoccupazioni in realtà mai sopite sull'incidenza degli effetti collaterali del vaccino.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morte della docente Turiaco, le richieste del legale dopo le perizie: "Augusta era sana, sospendete Astrazeneca"

MessinaToday è in caricamento