rotate-mobile
Domenica, 3 Marzo 2024
Cronaca

Polizia municipale, verso la sostituzione il comandante Blasco: Ora Sicilia sollecita la riconferma

A fine aprile scadrà l'incarico del dirigente nominato dall'ex commissario Santoro, voci di corridoio sostengono che il sindaco Basile intenda sostituirlo. Tre consiglieri sollecitano la riconferma

Cambio in vista al comando della polizia municipale. Ma i consiglieri comunali di Ora Sicilia, Giandomenico La Fauci, Dario Zante e Federica Vaccarino chiedono al sindaco Basile la riconferma di Stefano Blasco. 

Quest'ultimo nominato dall'ex commissario del Comune Leonardo Santoro scadrà nell'incarico il 30 aprile prossimo. "L’attuale comandante è persona seria e preparata che si sta spendendo a cottimo per la città e soprattutto per le categorie svantaggiate quali i portatori di handicap - affermano i tre consiglieri - lo stesso è stato oggetto di numerosi attestati di stima sia da parte dei propri colleghi che oggi dirige, e sia da parte della cittadinanza che ha contattato lo scrivente per richiedere la sua riconferma". 

Secondo voci di corridoio Basile intende procedere a una nuova nomina alla guida dei vigili urbani di Messina. Nel frattempo il vice di Blasco, Giovanni Giardina, è stato scelto da Basile a capo della polizia metropolitana. 

Intanto sulla "lotta" dei vigili urbani ai parcheggi disabili occupati abusivamente il sindacalista del Csa Gaetano Giordano scrive: “Occupare il parcheggio personalizzato di un disabile è reato? La risposta è sì, la polizia Municipale come non mai è oggi sensibile alle problematiche che ogni giorno  i portatori di handicap devono subire, tra l’altro, solo per trovare un parcheggio libero a loro riservato. E’ grandissima la mole di lavoro in tal senso che sta portando avanti l'amministrazione e il Comando del Corpo di Messina contro chi occupa abusivamente stalli di stabili”. “Lancio pertanto un invito alla città - continua Giordano - osservare le regole iniziando dal rispetto delle categorie più deboli. Gli automobilisti indisciplinati, incivili e senza cuore che occupano abusivamente stalli riservati ai portatori di handicap senza averne titolo, dovrebbero imparare a memoria la sentenza della Cassazione che ha condannato un sessantenne palermitano per aver occupato il parcheggio di una donna disabile, ritenendolo colpevole di «violenza privata". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Polizia municipale, verso la sostituzione il comandante Blasco: Ora Sicilia sollecita la riconferma

MessinaToday è in caricamento